Graziani: “Pellè irrispettoso. Ventura ha fatto bene a mandarlo a casa”

Graziani: “Pellè irrispettoso. Ventura ha fatto bene a mandarlo a casa”

Le dichiarazioni dell’ex Campione del Mondo: “Pellè, dopo una partita non certo esaltante, ha fatto un atto assolutamente irrispettoso nei confronti del ct e soprattutto dei compagni”.

1 Commento

“Ventura ha fatto benissimo ad escludere Pellè dai convocati”.

Lo ha detto Ciccio Graziani, intervistato ai microfoni di Tuttomercatoweb. L’ex Campione del Mondo ha detto la sua sulla scelta, da parte di Giampiero Ventura, di escludere Graziano Pellè dalla lista dei convocati in vista della gara di domenica con la Macedonia, a seguito del mancato saluto al tecnico al momento della sua sostituzione contro la Spagna.

“Pellè, dopo una partita non certo esaltante, ha fatto un atto assolutamente irrispettoso nei confronti del ct e soprattutto dei compagni. Su queste cose è giusto non scherzare, un allenatore ha il diritto di fare tutte le scelte che ritiene opportune – ha dichiarato Graziani -. Con gli ingressi di Immobile e Belotti l’attacco azzurro è sembrato più vivace? Si, hanno portato freschezza. È stato bravo Ventura a cambiare e loro hanno fatto abbastanza bene. In generale l’Italia non mi è piaciuta tanto, nel primo tempo ha rinunciato a giocare. Per fortuna la Spagna si è fermata dopo il vantaggio, ma credo fosse lecito aspettarsi qualcosa in più. Se Ventura ha fatto le scelte giuste? Non parlo degli uomini, ma della mentalità. Non si può giocare in funzione degli altri: io avevo Liedholm, che in questo era un maestro. Ci diceva sempre che non dovevamo adattarci agli avversari, perché erano gli altri che dovevano temere il nostro modo di giocare”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Biglietto di solo andata certa gente non di rende conto del culo che ha 25 ml per tirare due calci senza essere nessuno chissa che rabbia Riva Boninsegna Altobelli …..all epoca pagati ms non tanto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy