Napoli, Milik: “Sarà dura far cambiare idea a Sarri, Mertens va alla grande”

Napoli, Milik: “Sarà dura far cambiare idea a Sarri, Mertens va alla grande”

Le parole dell’attaccante polacco Arkadiusz Milik direttamente dal ritiro della sua Nazionale.

Commenta per primo!

Polonia-Danimarca, 8 ottobre scorso, una gara che difficilmente sarà dimenticata da Arkadiusz Milik.

Rottura del legamento crociato ed operazione obbligatoria per l’attaccante del Napoli che così, nel suo miglior momento di forma, lascia il campo per curarsi e perde posti in gerarchia nella mente di Maurizio Sarri. Rientrato a febbraio, Arek dovrà vedersela con un Dries Mertens in grande spolvero, anche lui sa che sarà difficile far cambiare idea al tecnico dei partenopei: “Sono impaziente perché sono giovane. Sono a disposizione di Sarri anche se è dura per lui cambiare le cose perché Mertens sta giocando alla grande nel mio ruolo- ha ammesso Milik ai media polacchi. Devo lavorare duro per ottenere maggiori opportunità”.

Sto migliorando costantemente. Il trauma è stato dimenticato. Vivo di partite e voglio passare tanti minuti in campo. Adesso il ginocchio è sano, avevo bisogno di tempo per tornare al meglio. E’ stato necessario allenarsi di più. Non sento la differenza con i miei compagni di squadra, anche se non sono lo stesso giocatore che ero prima dell’infortunio. La riabilitazione è un processo lungo: prima la palestra, poi il potenziamento delle gambe. Ho lavorato molto su questo. La cicatrice è un segno, lavoro di più anche per quello-ha ammesso il numero 99 azzurro-. Ho bisogno di un paio di settimane, devo lavorare ancora su alcuni dettagli. Tutto tornerà come prima, ne sono certo. Voglio fugare ogni dubbio: non sono tornato troppo presto. Mi sentivo bene e il medico ha dato l’ok. Ho investito su me stesso e ci sono riuscito. Ho fatto pure palestra a casa, mi ha aiutato nella riabilitazione”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy