Lazio-Chievo, la delusione di Inzaghi: “Dovevamo mantenere alta la concentrazione, adesso sotto con la semifinale di Tim Cup”

Lazio-Chievo, la delusione di Inzaghi: “Dovevamo mantenere alta la concentrazione, adesso sotto con la semifinale di Tim Cup”

Le parole del tecnico biancoceleste al termine della sfida persa inaspettatamente dai suoi contro i clivensi già retrocessi

Un Simone Inzaghi amareggiato commenta la sconfitta della sua Lazio che ha ceduto in casa per 2-1 al già retrocesso Chievo.

Il tecnico biancoceleste, intervenuto in conferenza stampa, ha analizzato la sfida persa contro i clivensi che ha probabilmente complicato l’obiettivo stagionale dei capitolini sebbene ci siano ancora cinque gare da giocare.

“Questi due giorni ne avevamo parlato, dovevamo mantenere alta la concentrazione. Non abbiamo approcciato bene la partita. E’ stata macchiata dall’espulsione, un’ingenuità che ci è costata la partita. Abbiamo provato a riaprirla, abbiamo segnato e poi abbiamo preso il palo con Correa. Ma è stata macchiata dall’espulsione. Poteva essere una partita diversa. Abbiamo avuto l’infortunio di Radu, ho dovuto cambiare qualcosa anche dopo l’espulsione. Ora abbiamo la semifinale, dobbiamo giocarla nel miglior modo possibile. Sul primo gol è stato bravo il ragazzo del Chievo, nel secondo abbiamo sbagliato lettura. Gli avevo detto di tenere duro, avremmo potuto cambiare la partita. Spiace, sapevo che fosse una partita che ci avrebbe creato insidie, così è stato. Ora dobbiamo dimenticare e ritrovare lo spirito giusto in vista di Milano. Di occasioni ne abbiamo create, ma la partita è stata viziata dall’espulsione e dall’approccio molle nella ripresa. In questo momento dobbiamo resettare, lasciare da parte il campionato, mercoledì abbiamo una partita difficile. Poi ci sarà un calendario complicato, ma dobbiamo arrivare almeno in Europa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy