OCCHI PUNTATI SUI CANTERANI DEL GRIFO

OCCHI PUNTATI SUI CANTERANI DEL GRIFO

C’è ancora molto da spremere dalle ultime dieci giornate di campionato per mettere al sicuro la salvezza e conquistare il miglior piazzamento possibile. Le prime operazioni delineate per il.

Commenta per primo!

C’è ancora molto da spremere dalle ultime dieci giornate di campionato per mettere al sicuro la salvezza e conquistare il miglior piazzamento possibile. Le prime operazioni delineate per il futuro, come nel caso del prolungamento contrattuale di Sturaro, pongono l’accento sul lavoro compiuto a livello di settore giovanile, dove sono stati cresciuti elementi come Perin, Cofie, lo stesso Sturaro arrivati in prima squadra, o chi è andato a farsi le ossa prima di un ritorno alla base. La catena di montaggio costruita con il marchio del responsabile giovanile Michele Sbravati sta producendo a ciclo continuo, con prospettive interessanti come dimostrano i diversi giocatori passati al setaccio dei selezionatori delle nazionali giovanili.

Nel fine settimana è ricco il programma degli incontri a cominciare dal derby nella categoria Allievi nazionali, dove i ragazzi allenati da Fasce guidano la classifica con il vantaggio di un punto sulla Juventus e dieci sulla Sampdoria, rincorrendo uno dei (due) posti che mettono sul piatto la qualificazione, senza attraversare la porta dei play-off circoscritta a terza e quarta. L’incontro è in programma domenica alle ore 15 al campo Tre Campanili di Bogliasco.

Anche nel campionato Giovanissimi nazionali match di cartello per i ragazzi allenati dal tecnico Brunello, ospiti sul campo della capolista Juventus (zero sconfitte in 18 gare) nel tentativo di custodire il terzo posto (Juve 57, Sampdoria 47, Genoa 44, Pavia 43, Torino 42) e rintuzzare l’assalto delle inseguitrici nella corsa ai sedicesimi appannaggio delle prime quattro classificate. E’ stato invece posticipato a domenica (ore 11) il match della Primavera impegnata nella trasferta di Cesena. La squadra ha sostenuto la rifinitura presso l’impianto Sandro Pertini di Multedo, prima di partire alla volta della Romagna.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy