Genoa, Preziosi: “Giusto che Perin vada via, ma se il nostro prezzo non piacerà…”

Genoa, Preziosi: “Giusto che Perin vada via, ma se il nostro prezzo non piacerà…”

Il presidente del grifone Enrico Preziosi fa il punto sul futuro di Perin, conteso da Napoli e Juventus

Mattia Perin potrebbe scatenare un valzer di portieri in Serie A questa estate.

Il portiere è sempre più vicino all’addio al Genoa (destinazione Juventus?) come confermato dal presidente del grifone Enrico Preziosi a margine dell’inaugurazione di un ristorante genovese: Se vuole andare via la Juventus ci deve ancora chiamare, credo abbia aspettato l’addio di Buffon per poterci contattare: se lo faranno e ci faranno un’offerta consona ci siederemo ad un tavolo. Tanto credo che la volontà anche di Perin sia quella di andare e forse è anche giusto, è stato dieci anni al Genoa, ce lo siamo goduti per tanti anni: dovesse andare via lo farà a testa alta, con tanto affetto da parte di tutti i tifosi e anche del sottoscritto”.

Preziosi, però, non parla di aste tra Napoli e Juventus per Perin: “Ho questo giocatore e ce lo godiamo, però non ho mai fatto un’asta. Io credo che Perin sia un portiere di valore e chiunque vuole dare un segnale di interesse lo può fare: che sia il Napoli o la Juventus, ma non scatenando un’asta. Poi credo che il giocatore sappia già dove vuole andare e per questo non credo ci sia bisogno di fare aste. Le cifre non le fa né il giocatore né la squadra che acquista, le fa la squadra che vende: noi abbiamo la nostra valutazione, se sarà condivisa va bene, se non lo sarà Perin resterà qui da noi”.

Con Perin vicino all’addio, il primo candidato alla successione è Skorupski, anche lui in rotta di collisione con il proprio club, la Roma: “È un ottimo portiere – ammette Preziosi – ci sono anche altri profili interessanti: oggi abbiamo fatto delle cose e credo che la settimana prossima potremo incominciare a dire cosa stiamo facendo e credo che qualche sorpresa carina ci sia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy