Pres. Carpi, Bonacini: “Gnahorè ha doti importanti. Lasagna? Un nostro patrimonio, vi svelo la sua dote principale”

Pres. Carpi, Bonacini: “Gnahorè ha doti importanti. Lasagna? Un nostro patrimonio, vi svelo la sua dote principale”

Le parole del presidente del Carpi, Stefano Bonacini.

Commenta per primo!

Il Carpi reduce dal pareggio in casa dell’Inter, sabato pomeriggio sfiderà il Palermo in quella che sarà una delicatissima partita in ottica salvezza. Intervenuto ai microfoni di ‘Radio Punto Zero’ durante la trasmissione radiofonica ‘Fuori Gara’, il presidente del club emiliano, Stefano Bonacini, ha parlato del mercato in entrata della sua squadra e ha espresso un parere sull’attaccante autore del gol contro i nerazzurri Kevin Lasagna, che con molta probabilità scenderà in campo dal 1′ nella sfida contro i rosanero: “Gnahoré è arrivato qui sabato mattina. Fisicamente è un armadio, Giuntoli ci ha assicurato che ha doti importanti e noi, come sempre, ci fidiamo di lui. Lo abbiamo preso in prestito per un anno e mezzo e lo faremo maturare, sperando, un giorno, possa essere degno di indossare anche la maglia del Napoli – ha dichiarato Bonacini -. Lasagna è un nostro patrimonio, lo ha scoperto Giuntoli e conosciamo tutti le sue qualità. Lo abbiamo pagato 15mila euro. Ha bisogno ancora di fare esperienza, ma a San Siro ha dimostrato ancora tutte le sue potenzialità inespresse. Quando Giuntoli mi disse che Lasagna era il più grosso contropiedista della Serie A, forse aveva ragione. L’importante è non caricarlo di troppe responsabilità. Giuntoli è stato con noi sei anni ed è passato dalla Serie D alla serie A. È un dirigente abituato a lavorare con “pochi soldi” ed ha sempre raggiunto ottimi risultati. La sua forza non è portare i campioni ma giovani promettenti. Merita fiducia perché è un professionista serissimo“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy