Calciomercato Palermo: Rispoli cambia agente e spera nella cessione. Nessuna offerta per lui

Calciomercato Palermo: Rispoli cambia agente e spera nella cessione. Nessuna offerta per lui

Ancora incerto il futuro dell’esterno campano desideroso di continuare a militare in Serie A. Timidi sondaggi, ma nessuna offerta concreta pervenuta al club rosanero.

25 commenti

Il direttore sportivo rosanero, Fabio Lupo, è volato la scorsa settimana a Milano con l’intento di provare a sciogliere diversi i nodi in sospeso in chiave mercato, specie per quanto concerne le operazioni in uscita, in casa Palermo.

Tra le priorità all’ordine del giorno c’è la questione legata al futuro di Andrea Rispoli, esterno destro classe 88, tra i pochi a mettersi in luce, per qualità e continuità di rendimento, nella disastrosa stagione da pochi mesi conclusa.  Nei vari colloqui intercorsi tra l’entourage del calciatore ed il dirigente abruzzese sarebbe emersa piuttosto palese la volontà del ragazzo di continuare a militare nella massima serie valutando concretamente eventuali offerte che possano esaudire la sua aspirazione.

Di diverso avviso il club di  viale del Fante che vorrebbe trattenere Rispoli, facendone un elemento cardine della formazione che dovrà recitare da protagonista nel prossimo torneo cadetto. Il Palermo non ha al momento né voglia, né particolare impellenza di privarsi del calciatore il cui contratto con il club rosanero scadrà a giugno del 2019.

Il cartellino di Andrea Rispoli è valutato dalla società siciliana tra i 2,5 ed i 3 milioni di euro, solo nel caso in cui si profilasse un’offerta, reale e concreta, conforme a quelle cifre, vi sarebbero i presupposti per intavolare una vera trattativa finalizzata a legittimare gli auspici dell’ex Parma.

Cagliari, Genoa, Sampdoria e tanti rumors sui club interessati all’esterno classe 88. Soluzioni ipotizzate, ventilate, suggerite da intermediari, agenti, operatori di mercato. Sondaggi timidi e interlocutori.

Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, nessun dirigente dei club sopracitati avrebbe formulato alcuna offerta diretta, più o meno congrua, per il cartellino del giocatore. Rispoli ha recentemente cambiato agente, affidando procura e tutela dei suoi interessi professionali alla TMP Soccer di Tullio Tinti. Tuttavia, la situazione è ancora in stallo, piuttosto cristallizzata, non semplice da sovvertire da qui al termine della sessione estiva.

Il Palermo, dal canto suo, ben lieto di confermare Rispoli e metterlo ad effettiva disposizione di Tedino, difficilmente abbasserà le pretese. Così come è improbabile ipotizzare che un club di media levatura investa una cifra comunque significativa per il cartellino di un calciatore, seppur di valore sul piano tecnico e professionale, prossimo ai trent’anni.

Non si intravedono al momento particolari destinazioni alternative plausibili. Tedino nel frattempo lo ha incluso nella lista dei convocati per il match di sabato sera in Coppa Italia e lo ha fatto scendere in campo nella parte finale della gara, durante i tempi supplementari. L’incrocio in Tim Cup con il Cagliari, tra squadre e rispettive dirigenze, potrebbe regalare novità interessanti in merito, al di là del verdetto del campo.

La permanenza del cursore di destra campano regalerebbe a Tedino una batteria di esterni di assoluto valore per il livello della Serie B, con Rispoli e Morganella a contendersi un maglia sul binario destro, e Aleesami (tra i migliori in campo nella sfida di Tim Cup) padrone della corsia mancina, e con il giovane Rolando (esterno bivalente) a fungere da alternativa al norvegese.

Da sicuro partente a figliol prodigo il passo potrebbe essere breve, il futuro di Rispoli è ancora tutto da scrivere.

25 commenti

25 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ettore Caruso - 4 giorni fa

    Ma tutti dite traditore, ma vorrei vedere uno di voi in una società così penosa come il Palermo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Filippo Verso - 4 giorni fa

    VATTENEEEEEEEEEEEE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Emanuele Drago - 4 giorni fa

    L’ importante e’ che il presidente rimanga sempre lo stesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giuseppe Daniel Carbone - 4 giorni fa

    Ciao ciao… in mezzo a tanti scarsi, non sei male. Ma preso singolarmente sei uno scarpone da squadra di bassa classifica. Di fatto Ternana, Parma (degli ultimi anni) e Palermo (degli ultimi anni) sono la tua massima aspirazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Sergio Tringali - 4 giorni fa

    Da quello che ha fatto vedere il Cagliari mi sembra ben poca cosa e come città Cagliari non si può neppure paragonare a Palermo ma questo signore è cieco Totò direbbe ma mi faccia il piacere e non si permetta più di dire tante stronzate su Palermo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Davide Lazzano - 4 giorni fa

    Non lo vuole nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Francesco Manzella - 4 giorni fa

    Perché tutte questi insulti gratuiti? Se vuole andare via è giusto che vada e poi un motivo ci sarà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Giuseppe Comella - 4 giorni fa

    Traditore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Davide Corrao - 4 giorni fa

    Pensa di essere Roberto Carlos . A Parma era la terza scelta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Se vatinni.. chiddu capiu u riscussu.. abili come il campionato passato..torto avi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Fede Edef - 4 giorni fa

    Peccato che se rimane non si farà tutto il campionato in tribuna

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Ivan Fontò - 4 giorni fa

    Tutti mercenari!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Giovanni D'Angelo - 4 giorni fa

    Ebbattinni!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Gaetano Covais - 1 settimana fa

    Ma è così difficile per un giocatore sacrificarsi 1 anno e tornare in A da protagonista.In B sono andati anche Buffon,Del Piero,Batistuta,Franco Baresi.Con tutto il rispetto Rispoli chi crede di essere Pele’?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliano Culotta - 1 settimana fa

      Si peccato che Buffon del Piero e company erano campioni. Rispoli a 29 anni ha l’occasione di strappare un ottimo contratto prima di chiudere la carriera

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Fabio Tindaro Fioravante - 1 settimana fa

      Se fossi in Rispoli non ci penserei due volte ad accettare la proposta di Cagliari. Il Palermo è una società fallita senza progetto e destinata a tornare a calcare i campi di B e C per moltissimi anni. A Cagliari c’è un progetto, uno stadio nuovo. Una grande tradizione, un tifo con tanta passione (tutta l’isola tifa Cagliari). Cagliari è una città fantastica. Potrebbe iniziare un nuovo ciclo lì. Palermo è una città morta, infernale senza futuro, che ci sta a fare ancora qui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. saven.save_472 - 4 giorni fa

        guarda, o stai trollando o veramente sei un caso perso, ancora peggio se sei di palermo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Pietro Pollara - 1 settimana fa

      È tutto questione di soldi vogliono sempre più soldi non gliene frega di giocare insieme non gliene frega di giocare in serie B solo questione di soldi e basta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. tonipi1_887 - 1 settimana fa

      E aggiungerei, se voleva andar via perché non dirlo subito??? Tanto ormai si è capito che vogliono scappare tutti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. nick - 1 settimana fa

      il problema è capire il confine tra il fatto che siano i giocatori a volersene andare o la proprietà che li mette alla porta..non scordiamo di quando comincia a fissare i prezzi a mercato chiuso e senza avere offerte
      in tal senso la cessione di pezzella è vergognosa
      un ragazzino che non ha mai fatto un campionato da titolare crediamo non poteva rimanere??la realtà è che appena a quello gli mettono due soldi davanti se li vende.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. PinkPrince - 1 settimana fa

      All’inizio dell’estate lui disse che sarebbe rimasto se avesse visto che a Palermo c’è un progetto societario serio. In sostanza fece capire che non sarebbe rimasto se rimaneva Zamparini. Rispoli non sarà Pelè, è un onesto buon giocatore che ha pure dimostrato grande attaccamento alla maglia rosanero, e al quale girano le scatole vedersi cambiare un allenatore al mese….E tra l’altro mi sembra pure naturale e accettabile che un giocatore, alla soglia della trentina, preferisca giocare in serie A.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Anna Spadaro - 1 settimana fa

      Domanda Fabio Tindaro Fioravante…che ci fai ancora Tu in questa città d’inferno. ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Fabio Tindaro Fioravante - 1 settimana fa

      Infatti Anna Spadaro se potessi scapperei di notte, purtroppo non posso per una serie di motivi che ovviamente a te non posso raccontare. Buona giornata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Ciccio - 1 settimana fa

      Ammirevole la tua sicurezza nel prevedere la promozione in A del Palermo, può essere invece che lui non è assolutamente convinto di questo sia per la squadra ma soprattutto per un presidente totalmente instabile?Il paragone con la Juventus e quei grandi calciatori è improponibile , certo portare un po’di gratitudine al Palermo lo dovrebbe dimostrare preso dalla B fatto crescere professionalmente tanto rimanere sarebbe un gesto signorile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Toni Mabbut - 7 giorni fa

      sta aspettando un contratto per giocare in serie A per guadagnare piu’ soldi in 3 anni di quanto il 90% di noi in una vita intera…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy