Sconcerti condanna il Palermo: “A Bergamo andrà in scena la resa dei rosanero”

Sconcerti condanna il Palermo: “A Bergamo andrà in scena la resa dei rosanero”

L’opinione del noto giornalista sportivo affidata al Corriere della Sera.

9 commenti

Mario Sconcerti ha affidato a un articolo sul Corriere della Sera la sua analisi del momento del Palermo. I rosanero saranno impegnati sul campo di un’Atalanta decisamente in forma e per il noto giornalista potrebbe trattarsi di una vera e propria Caporetto.

Sarà la quarta partita di Davide Ballardini dopo il ritorno a Palermo risalente a tre settimane fa. Il tecnico ha perso due gare (in Coppa Italia è stato addirittura eliminato dall’Alessandria militante in Lega Pro), una l’ha pareggiata a Roma contro la Lazio. C’è adesso aria di nuove rivoluzioni. Il patron Zamparini ha tolto di squadra tre giocatori, uno lo ha personalmente squalificato fino al termine della stagione (Maresca, colpevole, secondo il numero uno dei rosanero, di essersi impegnato poco contro l’Alessandria mercoledì scorso). Non escluderei un ritorno prossimo di Iachini. Il Palermo è sopravvalutato dal suo presidente, è competitivo solo a bassi livelli di classifica. Segna poco, disperde il talento di Vaquez, il suo miglior giocatore (che oggi sarà in tribuna a Bergamo visto che è stato convocato da Ballardini nonostante la squalifica), ma anche lui abbastanza irrealizzato e resta aggrappato a Gilardino avendone risposte intermittenti. Il migliore a mio avviso è Achraf Lazaar, un esterno mancino che parte da lontano e diventa spesso pericoloso quando si avvicina all’area avversaria. La vera domanda è però che squadra si sentirà adesso il Palermo, travolto dalle squalifiche del presidente che ammoniscono tutti e rischiano di rendere ancora più incerta una squadra che non possiede una forte personalità. Difficile che un gruppo sia d’accordo con chi taglia in un colpo e per motivi di semplice opinione tre dei suoi componenti con maggiore esperienza. Ho impressione che stavolta l’ira abbia portato troppo lontano Zamparini. Credo che l’Atalanta si troverà contro più un avversario depresso che uno arrabbiato. Anche senza punizioni, il Palermo è più fragile dell’Atalanta, e ha una qualità decisamente inferiore. Il pronostico sarebbe sempre dalla parte di Edy Reja. In questo clima mi aspetto oggi al Comunale quindi un successo dell’Atalanta. Non mi sorprenderebbe una vera e propria resa da parte del Palermo dopo quanto accaduto nell’ultima settimana. 

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. VitoChimenti - 1 anno fa

    Sconcerti tu si che avevi fatto grande la fiorentina. Continua a scrivere tanto le tue prestazioni di dirigente sportivo non se le ricorda nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Crazyhorse - 1 anno fa

    Cone vedete ha assolutamente avuto ragione!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fili Martz - 1 anno fa

    Il punto è che parlano tutti ormai, e sparano sulla nostra passione : parla spesso gente che le partite non le ha mai viste.
    Basti dire che il migliore secondo Sconcerti (di nome e di fatto) sarebbe Lazaar, che quest’anno finora ha fatto pena (speriamo si riscatti), probabilmente perché ad agosto dopo le offerte del Monaco aveva fatto la ruota del pavone.m è ancora non è riuscito a chiuderla sta ruota…
    Qui parlano tutti, gente che non aspetta altro di criticare Zamparini perché così può scrivere un articolo di giornale, gente che ha antipatia verso lo stesso uomo perché si fa i piccioli (il che è questione che dovrebbe essere risolta su un lettino di uno psicanalista) gente che si professa rosanero e non vede l’ora di criticare ma quando sono le ore 15 di domenica sceglie il canale della Juve dell’Inter o del Milan o persino del Napoli. In mezzo ci siamo noi, che conosciamo un solo abbinamento col nero, e ci sforziamo di essere ottimisti perché amiamo il rosa, pensando che la squadra i valori tecnici adeguati alla categoria ce li ha eccome, che senza Zamparini finiremmo in quinta serie perche nessun filantropo si intravede all’orizzonte, e un palermitano che sia uno che abbia soldi e voglia per il rosanero non credo che esista.
    Sappiamo che questa è una squadra buona (questa, non quella che sarà dopo gli acquisti di gennaio), che il cambio di allenatore ci voleva non perché Iachini non fosse all’altezza ma perché pure lui quest’anno è andato in confusione e sopratutto ha avuto la grande responsabilità di demotivare un gruppo che aveva fatto sei punti in due partite, ed è stato demotivato alla fin fine solo perché non era arrivato Schelotto e non era stata comprata un’altra punta (senza l’infortunio di Djurdevic non ne avremmo più parlato). Grande Iachini ma ormai ci aggrappiamo al ricordo del bel Palermo di Ballardini che fu, ricordo che è stato rinfrescato dalla bella prestazione di Roma contro la Lazio.
    Juve (troppo forte per noi) e Alessandria sono storie a parte: a quest’ultima è stata regalata la partita e tutti coloro i quali abbiamo visto la partita in diretta l’abbiamo urlato ad alta voce, prima ancora che Zampa ne epurasse tre su richiesta, a quanto pare, di Ballardini. E siccome ho smesso di credere alle favole da un po’, le parole di Ballardini in conferenza stampa e l’esclusione di Rigoni fin dalla prima all’Olimpico mi hanno fatto pensare che il mister si era accorto subito di chi remava contro, prima ancora che quest’ultimo lo dimostrasse a tutti mercoledì pomeriggio.
    Quindi quelli che stanno in mezzo alle critiche, cioè noi tifosi rosanero sempre e comunque, non possiamo far altro che sperare che oggi gli 11 in campo lottino su ogni pallone, perché se è vero che la Dea ha 21 punti e’ altrettanto vero che sulla carta non ci è superiore, e che se azzecchiamo il partitone poi ne parliamo.
    Un tifoso vero si illude perché non gli resta altro, e quindi noi tifosi veri spingeremo oggi pomeriggio con le nostre energie Gila e compagni in rete.
    Uniti e positivi, noi tifosi, ce la faremo. E da gennaio in poi magari ci godremo una metà classifica per giocare sereni e toglierci qualche soddisfazione con gli amici strisciati: in fondo ormai non ci rimane che un tale traguardo.
    Io, dopo questo lungo post scritto di getto, a breve salgo in macchina e me ne corro a Bergamo.
    Buona partita a tutti, e Forza Palermo sempre, ovunque, e comunque …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ruben Camilleri - 1 anno fa

    Ha detto qualcosa di assolutamente lontano dalla verità? Io credo proprio di no, anche se mi auguro nel miracolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. nick - 1 anno fa

    È incredibile come anziché ripartire dal buon campionato dello scorso anno per MIGLIORARSI per l’ennesima volta mz ha distrutto tutto
    Ora mi aspetto le nuove chiacchiere su un nuovo ciclo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giuseppe Garofalo - 1 anno fa

    Sconcerti parla della fiorentina che ti riesce forse meglio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Amedeo Portanova - 1 anno fa

    Preciso che non mi è proprio simpatico ma dove sta sbagliando in questo commento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Laura Giarraffa - 1 anno fa

    Taci!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Nunzio Di Stefano - 1 anno fa

    Cultori del calcio del cavolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy