Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

la conferenza

Monopoli, Colombo: “Uomini contati, la mia sul Palermo. Più pressione sui rosa”

Monopoli, Colombo: “Uomini contati, la mia sul Palermo. Più pressione sui rosa”

Le dichiarazioni del tecnico del Monopoli, Alberto Colombo, a pochi giorni dalla sfida contro il Palermo di Giacomo Filippi

Mediagol (gm) ⚽️

Scontro diretto per il secondo posto al "Renzo Barbera" dove, domenica sera, Palermo e Monopoli scenderanno in campo per affrontarsi  gara valida per la diciassettesima giornata di serie C. Un impegno presentato a poco più di quarantotto ore dalla sfida dal tecnico della compagine pugliese, Alberto Colombo, intervenuto in conferenza stampa.

"Questa settimana la sfortuna ha colpito pesantemente la nostra rosa. Non riusciamo a recuperare Morrone e Fornasier, ai quali si aggiungono Arena e Hamlili. Siamo contati, tra infortunati e qualche ragazzo vaccinato con un po' di febbre. Il numero sarà esiguo ma chi ci sarà avrà lo spirito per fare una buona prestazione".

La partita è difficile per quanto ci riguarda e speriamo di creare le stesse difficoltà agli avversari. Il fatto che le due squadre abbiano un "record" a livello difensivo invidiabile può far si che i due reparti offensivi vengano annullati. Speriamo non sia così, anche perchè ogni partita cambia in base agli episodi. Se riusciamo a mantenere l’attenzione elevata anche nel reparto offensivo potremmo dire la nostra”.

Il Palermo in casa ha subito pochissimi gol, forse è la migliore sotto questo aspetto. Troveremo una squadra che vuole fare sua la partita, in virtù del fattore campo e ambientale. Noi cercheremo di rispondere con le nostre qualità nonostante defezioni. Non so dire se è un banco di prova definitivo, perchè abbiamo passate altre: a volte le abbiamo fallite ma dalle sconfitte siamo usciti più forti di prima. Faremo di tutto per mettere in campo una grande prestazione, se dovesse esserci una sconfitta non cambierà il nostro percorso. Certo è che la gara potrebbe darci qualche indicazione in più, ma da qui alla fine tante cose possono cambiare in meglio o in peggio". 

Palermo? Siamo orgogliosi di andare a giocare con una squadra così importante e che sta rispettando i valori di inizio campionato. Stiamo grandi cose, ma riceviamo poca attenzione a livello nazionale. Non è un lavoro scontato, essere secondi è motivo di vanto e forza per poter scendere in campo con l'obiettivo di provare fare quello che è nelle nostre caratteristiche. La pressione maggiore sta sulle spalle dei giocatore Palermo, costretto a vincere per blasone della società, storia e forza della squadra. Noi “possiamo” vincere. E a volte il "dover vincere" o "poter vincere" ti aiuta a fornire una prestazione migliore rispetto agli avversari”.

tutte le notizie di