Roma-Porto, De Rossi: “Zaniolo ha una tecnica sopraffina. La gara di ritorno…”

Il capitano dei giallorossi ha parlato al termine della sfida contro il Porto

De Rossi allenatore

La Roma batte il Porto.

L’andata degli ottavi di Champions League ha visto i giallorossi ospitare il club portoghese tra le mura dello stadio Olimpico: i padroni di casa si sono imposti grazie alla doppietta realizzata da Nicolò Zaniolo, che con la sua splendida prestazione ha regalato una notte da sogno al tecnico Eusebio Di Francesco. Nonostante l’importante vantaggio ottenuto questa sera, nella gara di ritorno potrebbe pesare la rete di Adrian Lopez che ha battuto Antonio Mirante (in campo al posto di Robin Olsen, out per infortunio) con un tiro da distanza ravvicinata e ha così fissato il risultato finale sul 2 a 1.

Al termine della sfida il capitano del club capitolino, Daniele De Rossi, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport, parlando del talento classe ‘99, il più giovane calciatore italiano a realizzare due gol in una gara di Champions League: “Zaniolo? Un altro record che si aggiunge a quello che sta dimostrando sia in allenamento che in partita, ha grande fisico al quale abbian una tecnica sopraffina. Direi che diventerà sempre più forte. Oggi ho giocato con la marcatura a uomo quasi per 90 minuti, me lo aspettavo perché il Porto tende a giocare così”.

In seguito ha parlato della prestazione dei suoi compagni di squadra e della possibilità di accedere ai quarti di finale: “C’è rammarico per il gol subito, siamo stati compatti come squadra e non avevamo concesso molto, peccato aver subito il gol dopo il raddoppio. Al ritorno sappiamo che il risultato non è un ottimo risultato, ma dovremo cercare di fare una partita attenta e cercare di non prendere gol, diciamo che siamo 51% a 49%. Avevamo studiato il gioco del Porto,giocano molto sul fisico e meno sulla qualità. Non siamo stati presi di sorpresa, ci ha dato anche dei consigli Marcano che ha giocato lì per quattro anni“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy