Polonia-Italia, Tardelli: “Grande miglioramento, ma manca ancora qualcosa. Il merito di Mancini…”

Polonia-Italia, Tardelli: “Grande miglioramento, ma manca ancora qualcosa. Il merito di Mancini…”

L’analisi di Marco Tardelli sulla prestazione dell’Italia di Roberto Mancini nel match di Nations League contro la Polonia

Marco Tardelli commenta la vittoria conquistata in extremis dall’Italia nella terza giornata di Nations League contro la Polonia.

Il campione del mondo con la nazionale azzurra dell’82, intervenuto ai microfoni di ‘RMC Sport‘, ha detto la sua sulla prestazione degli azzurri di Roberto Mancini e, in particolare, sull’esordiente Nicolò Barella, confermato dopo il match amichevole contro l’Ucraina:
Bisogna dar merito della vittoria a Mancini che, tra le altre cose, continua a puntare su Barella. Una scelta che avrebbero fatto in pochi. Credo che la strada sia quella giusta, con il gioco al centro del progetto. Probabilmente manca ancora qualcosa laddove ho visto delle sofferenze in difesa, soprattutto sulla fascia destra. Davanti, poi, si sente l’assenza di un attaccante che la butti dentro, nonostante il gol nel finale. Detto questo il c.t. sta lavorando bene, riuscendo a salvare gli azzurri dalla retrocessione in Lega B e regalandoci la possibilità di presentarsi in prima fascia per le qualificazioni ai prossimi europei. In Polonia avrebbe potuto essere una gara difficilissima e pesante per i ragazzi dopo l’1-1 di Genova, invece si è visto un grandissimo miglioramento. C’è un problema di inesperienza, in termini di minutaggio ad alti livelli, ma molti di questi giocatori hanno avuto possibilità di fare una certa esperienza nel calcio che conta grazie ai loro club. Tornando a Barella, che di esperienza non ne ha, mi sembra che mostri comunque una grandissima personalità in campo. Da Chiesa ci aspettiamo invece qualcosa in più. È un giocatore che, quando vuole, riesce a determinare il ritmo della gara. Vorrei lo facesse più spesso“.

L’ex centrocampista, inoltre, ha commentato la scelta di schierare un centrocampo a tre e l’assenza di un centravanti puro:
Il centrocampo è fantastico. Gioca sempre il pallone senza perderlo mai, almeno per quanto si è visto ieri sera. Se in mezzo girano, anche gli altri reparti ne traggono beneficio. Ripeto: Barella è stato molto positivo e ha dimostrato che si potrà contare su di lui. Nessuno comunque ha perso la testa nel corso dei novanta minuti. Per quanto riguarda l’attacco diciamo che il finale di gara ci ha dato la risposta. Un nove ci vuole. Il gol di Biraghi è arrivato da un assist di Lasagna che è entrato e ha rischiato. Bisognerà trovarlo un attaccante, uno d’area stile Inzaghi o Vieri che poteva risolvere le partite in qualsiasi momento o comunque sfruttare al massimo le occasioni create. Che questo giocatori manchi Mancini lo sa bene, così come sa bene che bisognerà lavorare anche su qualche disattenzione difensiva di troppo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy