Potenza-Catania, gli etnei scelgono di non giocare: la dura presa di posizione del club dopo l’aggressione a Lo Monaco

Potenza-Catania, gli etnei scelgono di non giocare: la dura presa di posizione del club dopo l’aggressione a Lo Monaco

Il comunicato del club dopo l’aggressione subita questa mattina da Pietro Lo Monaco da parte di un gruppo di ultras del Catania

E’ caos in casa Catania.

Dopo la conferenza stampa fiume (LEGGI QUI) e le dimissioni da direttore generale rassegnate nella giornata di ieri da Pietro Lo Monaco, l’esperto dirigente originario di Torre Annunziata questa mattina è stato insultato ed aggredito da un gruppo di ultras del Catania che si trovavano sul traghetto per Villa San Giovanni (QUI I DETTAGLI E LA RICOSTRUZIONE). I supporters rossazzurri e Lo Monaco erano in viaggio sullo stesso mezzo di trasporto per raggiungere Potenza, dove questo pomeriggio sarebbe dovuta andare in scena la sfida di Coppa Italia. Gara che gli uomini di Cristiano Lucarelli non disputeranno per protesta.

E’ questa, infatti, la decisione della società etnea: la squadra, che era già in ritiro in Basilicata, ha fatto subito ritorno in Sicilia e alle 15 non scenderà in campo. Di seguito, il comunicato ufficiale diramato pochi istanti fa dal Catania sul proprio sito di riferimento.

“La vile e vergognosa aggressione subita oggi dall’amministratore delegato Pietro Lo Monaco da parte di ultras catanesi a bordo della nave traghetto durante il viaggio per raggiungere Potenza, già prevedibile alla luce dello striscione intimidatorio esposto in città e di quanto denunciato dal nostro amministratore delegato in occasione della conferenza stampa tenuta ieri, ci obbliga a fermarci. Conseguentemente, la squadra rientra a Catania”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy