Zamparini: “Io il comandante, Iachini il generale. Vi spiego nostri ruoli nel Palermo”

Zamparini: “Io il comandante, Iachini il generale. Vi spiego nostri ruoli nel Palermo”

“Palermo ha il quarto attacco e la terzultima difesa in campionato. Iachini? Ci parlo tutti i giorni, discutiamo di tutte le cose del calcio, lui mi ascolta anche se poi la decisione spetta a lui.

Commenta per primo!

“Palermo ha il quarto attacco e la terzultima difesa in campionato. Iachini? Ci parlo tutti i giorni, discutiamo di tutte le cose del calcio, lui mi ascolta anche se poi la decisione spetta a lui stesso. Ci mancherebbe. Decide Iachini. Io non sarei mai capace di fare l’allenatore. Io gli do qualche consiglio perché alle volte gli addetti ai lavori che sono all’esterno e che guardano dall’alto le partite, come ad esempio me, servono qualche volta. Anzi spesso”. Parola di Maurizio Zamparini: il presidente del Palermo è intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva a proposito del suo rapporto con Iachini. “Mi spiego meglio. In un club che funzioni servono i generali, ma servono anche i comandanti che dettano la strategia: il generale prepara la truppa e i soldati, insegna loro a sparare, a fare le marce. Ma poi la strategia arriva dai comandanti superiori, strategia che i generali devono ascoltare – ha aggiunto da quanto evidenziato da Mediagol.it -. Ecco, questo è un po’ quello che facciamo io e Iachini. Lui è un bravissimo allenatore, un preparatore eccellente della squadra. Secondo me non è vero che lui è adatto solamente alla Serie B. Ripeto, è un ottimo allenatore. Poi, chiaramente, da qui ad allenare una squadra di campioni è diverso. Perché i campioni non sarebbero disposti a fare i sacrifici che lui chiede ai suoi giocatori. Io voglio tenermi Iachini stretto. Sto facendo un progetto con lui per i prossimi tre-quattro anni“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy