Ouasim Bouy: “Conte mi vedeva regista alla Pirlo. Ballardini andò via al terzo giorno, Zamparini…”

Ouasim Bouy: “Conte mi vedeva regista alla Pirlo. Ballardini andò via al terzo giorno, Zamparini…”

L’intervista rilasciata dal centrocampista rosanero, Ouasim Bouy, ai media olandesi: “Io e Pogba come fratelli. Incidenti stradali a Palermo? E’ come se non ci fossero regole. Mafia? Fin qui non ho notato nulla”

1 Commento

L’intervista

Un solo minuto disputato fin qui. Quanto basta per affermare che Ouasim Bouy abbia esordito in Serie A con la maglia del Palermo; poco per giudicare al meglio il classe ’93 preso in prestito dalla Juventus.

Il centrocampista di origini marocchine (naturalizzato olandese) deve ancora mostrare tutte le sue qualità: in allenamento fa bene, viene provato e ri-provato da De Zerbi (sia da mezzala che da trequartista), ma poi la domenica scalda solamente la panchina. In un’intervista rilasciata a Voetbal International, l’ex PEC Zwolle ha raccontato il suo approccio con la realtà rosanero. “Siamo in Italia, ma è come se non lo fossimo. Palermo è un po’ un’intersezione tra l’Europa e il Medio Oriente. La lingua? Dicono che parlo italiano meglio dei siciliani. Il siciliano è molto difficile da capire – ha sottolineato -. Di solito comprendo per larghi tratti ciò che mi viene detto, ma alcune parole in siciliano non le capisco proprio. Quando sono venuto a Palermo, mi chiedevo se alla fine avrei notato in qualche modo la presenza della Mafia. Ma finora nulla“.

Sfoglia le schede per leggere il resto dell’intervista al centrocampista del Palermo, Ouasim Bouy.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. vabbe' - 3 settimane fa

    si,infatti non è mai stato preso in considerazione…non è mai stato aggregato neanche tra le riserve della juve ed è andato in prestito ogni anno….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy