NAPOLI-PALERMO 3-3: COMMENTO FINALE

NAPOLI-PALERMO 3-3: COMMENTO FINALE

Finisce 3-3 la sfida del San Paolo tra Napoli e Palermo. In un match ricco di spettacolo e di capovolgimenti di fronte alla fine i due club si spartiscono il bottino in palio in questo Derby delle.

Commenta per primo!

Finisce 3-3 la sfida del San Paolo tra Napoli e Palermo. In un match ricco di spettacolo e di capovolgimenti di fronte alla fine i due club si spartiscono il bottino in palio in questo Derby delle Due Sicilie. Barreto e compagni sono partiti male, andando sotto 2-0 già dopo 11 minuti (reti di Koulibaly e Zapata). La reazione dei rosanero è stata veemente e si è concretizzata con le reti di Belotti e Vazquez. Un colpo da grande giocatore di Callejon però ha riportato il Napoli in vantaggio ancor prima che l’arbitro invitasse le squadre a raggiungere gli spogliatoi per l’intervallo. Nella ripresa il gol decisivo lo ha segnato di Andrea Belotti, autore di una doppietta alla prima da titolare in Serie A. L’attaccante azzurro è stato tra i migliori dei rosanero, ma non va sottovalutato l’apporto di tutta la squadra: dai soliti guerrieri Barreto e Andelkovic, fino ai talentuosi Dybala e Vazquez.

Il Palermo conquista così un importantissimo punto in casa del Napoli disputando una partita gagliarda e di straordinaria qualità. I rosanero sono stati trascinati dalla tecnica di Belotti, Vazquez e Dybala che in attacco hanno più volte disorientato la difesa partenopea con giocate d’alta scuola. La squadra di Iachini nel primo tempo si è fatta spesso sorprendere in fase difensiva, ma nella ripresa si è rivista la grande attenzione e concentrazione della partita contro l’Inter. L’assetto a trazione anteriore non è sembrato un problema, anzi, i tre attaccanti hanno dato ai rosanero un’incisività senza precedenti. I tre gol subiti sono più da imputare a errori individuali che non alla mancanza di un interditore a centrocampo.
Dolores Bevilacqua

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy