Embalo: “Non avevo le scarpe, mi sembra incredibile ciò che sto vivendo adesso”

L’intervista all’esterno offensivo del Palermo.

Commenta per primo!

“Chi mi ha aiutato nella crescita in Italia? Beppe Accardi e la sua famiglia. È davvero come un padre per me. Perché io il papà l’ho perso da piccolo. E mi sono tatuato un suo ricordo”.

A raccontarlo Carlos Apna Embalo, in un’intervista rilasciata a ‘La Gazzetta dello Sport’. “Eravamo molto poveri. Le scarpe da calcio non le ho mai avute: mio papà, che ha avuto 10 figli, ogni tanto me ne comprava un paio, ma non erano sportive – ha aggiunto il classe ’94 -. Ora mi sembra incredibile avere un contratto con un’azienda di articoli sportivi e poter mandare delle cose anche nel mio Paese, dove non tutto è in ordine, e aiutare la famiglia“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy