Di Marzio: “Dybala e Vazquez come pane e panelle. Il Mudo rinnova, Paulino resterà”

Di Marzio: “Dybala e Vazquez come pane e panelle. Il Mudo rinnova, Paulino resterà”

Il Palermo incanta e, a due partite dal giro di boa, si trova settimo in classifica a venticinque punti insieme al Milan. Dybala e Vazquez mattatori assoluti che stregano, a suon di giocate, i.

Commenta per primo!

Il Palermo incanta e, a due partite dal giro di boa, si trova settimo in classifica a venticinque punti insieme al Milan. Dybala e Vazquez mattatori assoluti che stregano, a suon di giocate, i difensori avversari. La loro valutazione economica cresce e il patron Maurizio Zamparini si gode il momento.

Il noto esperto di mercato, Gianluca Di Marzio, nel suo editoriale su SkySport, analizza il rendimento spumeggiante dei due argentini.

Dybala e Vazquez. Come pane e panelle. Il bello del Palermo e il buono di Palermo. Guardi la classifica e salta all’occhio quella macchia rosa sulla parte sinistra. 25 punti, accipicchia. Gli stessi del Milan, tutto vero – le parole di Di Marzio -. E lo stesso allenatore di inizio campionato, sarà uno scherzo? Zamparini non sarà cambiato, ma questa volta ha pensato fino a duecento. Voleva intervenire dopo Empoli (3-0 e arrivederci), ha chiamato Reja e Guidolin, poi ha capito che Iachini non meritava il solito esonero riservato ai dipendenti della sua panchina. Beppe è un suo pupillo dai tempi di Venezia: Novellino era l’allenatore, Iachini soprannominato “cagnaccio” in mezzo al campo perché mordeva le caviglie di tutti, Schwoch a fare gol davanti. In B. Poi, dopo la promozione, sempre quel biondo tappabuchi a fare da chioccia a Recoba in affitto dall’Inter. Salvezza e Novellino confermato per due anni di fila, un record per Zampa. Iachini idolo della laguna, promosso poi a guidare la gondola calcistica in un baleno.

Perché quel presidente che li mangia (gli allenatori), è lo stesso che li inventa quasi dal nulla. O comunque li sa scegliere. Ventura e Zac agli esordi, più Prandelli e Spalletti, una lista infinita. E Iachini poi richiamato a Palermo, vincitore come richiesto. E adesso, lasciatelo lavorare. Magari senza smontargli il giocattolo: Sorrentino può partire (Bologna) per ridurre gli ingaggi o magari per accontentare Vazquez e Dybala nei rinnovi in discussione. Per il Mudo, ci siamo quasi: dettagli da sistemare e occhi della Juve solo di ammirazione. Per Dybala, l’iradiddio, va meno spedita la questione del prolungamento, prima vanno sistemate vecchie pendenze (pagamento di percentuali) ancora sul tavolo di trattativa. Gennaio comunque terminerà senza scossoni o pericoli di cessione, Paulino resterà. Ancora pane e panelle, almeno fino al primo sole caldo di Mondello.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy