Cronaca: jet di Zamparini colpito da fulmine

Cronaca: jet di Zamparini colpito da fulmine

Il jet privato di proprietà del presidente del Palermo Maurizio Zamparini è stato centrato da un fulmine mentre si trovava nei cieli tra Padova e Vicenza. Ma l’avaria non è.

Commenta per primo!

Il jet privato di proprietà del presidente del Palermo Maurizio Zamparini è stato centrato da un fulmine mentre si trovava nei cieli tra Padova e Vicenza. Ma l’avaria non è stata considerata così grave, da richiedere un atterraggio di emergenza. Lo spavento di chi era a bordo, invece, è stato grande.
E la mobilitazione di mezzi di soccorso mandati ad attenderli sulla pista di Ronchi dei Legionari anche. Succedeva una settimana fa al jet privato di Maurizio Zamparini, il presidente del Palermo Calcio, di ritorno proprio dal capoluogo siciliano.
La segnalazione è arrivata attorno alle 19. Insieme a Zamparini, che in Friuli abita ad Aiello del Friuli, c’era anche la moglie.
Finito nel bel mezzo di una turbolenza, ormai a poche decine di minuti dalla destinazione, l’aereo – riporta Messaggero Veneto – è stato colpito da un fulmine, senza compromettere il funzionamento delle apparecchiature.
È stato il pilota, sulla base della strumentazione di bordo, a valutare l’entità dell’avaria e decidere di continuare il volo.
Segnalato il malfunzionamento alla torre di comando, il jet ha quindi proseguito la marcia fino all’aeroporto del Friuli Venezia Giulia. A Ronchi, intanto, sono scattate le procedure previste nel caso di allerte di questo tipo: sulla pista di atterraggio si sono quindi avvicinati i mezzi della Polizia aeroportuale, dei Vigili del fuoco e della Croce rossa.
Quando sono sbarcati, entrambi i viaggiatori sono apparsi scossi, ma in buono stato di salute. Per il jet, invece, si è reso necessario il trasferimento nell’hangar, dove è stato sottoposto alle verifiche tecniche e alle successive riparazioni. A risultare lesionata è stata la coda del velivolo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy