Calciomercato Palermo: Salerno dà la sua impronta. Spolli, Gnoukouri e tre cessioni

Calciomercato Palermo: Salerno dà la sua impronta. Spolli, Gnoukouri e tre cessioni

Il direttore sportivo del Palermo dà avvio al suo calciomercato: chiusa l’operazione Toni Sunjic, adesso tre-quattro acquisti a firma Nicola Salerno.

Commenta per primo!

In entrata

Il tempo stringe, i giorni passano. -11 alla chiusura ufficiale della sessione invernale.

Per il momento, il Palermo ha portato a compimento due operazioni (Stefan Silva e Toni Sunjic, per il quale manca solamente l’ufficialità). Entrambi acquisti caldeggiati da Davor Curkovic, consulente personale del patron che negli ultimi giorni ha dovuto lasciare la scena a Nicola Salerno: adesso è il dirigente di Matera ad occuparsi del mercato dei rosanero.

Profili di esperienza, spessore a livello nazionale e capaci di trasmettere serenità a uno spogliatoio che ha subito l’onda negativa della situazione problematica. Calciatori che siano prima uomini: questa la ricetta salvezza di Salerno che avrebbe, in questo senso, individuato il profilo perfetto per la squadra di Corini. Nicolas Spolli, difensore classe ’83 del Chievo, ha ricevuto diverse chiamate in questi ultimi giorni dal neo-ds del Palermo che vuole convincerlo a raggiungerlo in Sicilia. L’ex Catania e Roma (oltre 150 le presenze in Serie A per lui) sta riflettendo e presto farà sapere la sua risposta. Salerno nutre grande speranza nei confronti del buon esito di questa trattativa, così come nei riguardi dell’operazione relativa ad Assane Gnoukouri, centrocampista classe ’96 con all’attivo otto presenze stagionali con l’Inter di De Boer prima e di Pioli adesso.

Già in giornata potrebbe arrivare il responso dal calciatore ivoriano, intenzionato a sposare un progetto che lo veda maggiormente nel vivo delle partite. Un responso, invece, lo si è avuto già da Stipe Perica, attaccante croato dell’Udinese. 15 apparizioni e 3 gol fin qui per l’attaccante alto 192 centimetri: il classe ’95 avrebbe già risposto negativamente ai rosanero che hanno chiesto informazioni sul suo conto. Rimarrà a Udine, a differenza di Gabriele Angella, centrale classe ’89, corteggiato da Palermo e anche qualche altro club. La sensazione è che alla fine lascerà il Friuli già a gennaio, ma se i rosa riusciranno a portare all’ombra di Monte Pellegrino Nicolas Spolli, l’opzione Angella tramonterà. Così come, di conseguenza, anche la pista Ajeti dal Torino, per il quale si era messo sul piatto il cartellino di Edoardo Goldaniga.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy