Ballardini: “Con me Palermo era salvo, colpa di giocatori che non stanno al loro posto”

Ballardini: “Con me Palermo era salvo, colpa di giocatori che non stanno al loro posto”

Il tecnico ravennate parla della sua gestione rosanero e dell’addio al Palermo.

2 commenti

Davide Ballardini è tornato a parlare del suo addio al Palermo nell’intervista a Repubblica.

Il tecnico commentato la lotta per la salvezza che vede coinvolte tante squadre. “Il Palermo durante la mia gestione non lo era neanche tanto. Quando ho lasciato la squadra io, avevamo 6 punti sulla terzultima, eravamo persino davanti al Genoa, eravamo salvi. Ora rischiano pesantemente, anche se sono comunque più forti delle altre in ballo. Zamparini mi ha richiamato anche recentemente, poche giornate fa, per farmi tornare. Ha anche chiesto di far giocare la squadra come la mettevo in campo io. E questo mi dà soddisfazione, dà valore al lavoro che era stato fatto. È un peccato che sia finito tutto per una questione di ruoli mancati, di giocatori che non fanno i giocatori e di una gestione poco chiara a livello societario. Ma per me è un discorso chiuso”.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. marcus2 - 12 mesi fa

    Sono perfettamente d’accordo una società che permette ad un suo giocatore di esonerare in TV l’allenatore e davvero disdicevole

    è indecorosa e giocatori(Sorrentino ma anche altri) che fanno i “capuzzielli” sono indegni di vestire la maglia rosanero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. malcommix - 12 mesi fa

    Già giocatori che pretendono di dettare legge anche una gestione poco chiara a livello societario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy