Italia, Prandelli: “Ero preoccupato già otto anni fa, serve ripartire dai settori giovanili…”

Italia, Prandelli: “Ero preoccupato già otto anni fa, serve ripartire dai settori giovanili…”

L’ex tecnico del Galatasaray parla della crisi che ha colpito il calcio italiano, in particolar modo la Nazionale

""

Cesare Prandelli torna a parlare della situazione caotica che sta avvolgendo il calcio italiano.

L'ex commissario tecnico della Nazionale, ai microfoni di Radio Marte, ha commentato le ultime prestazioni offerte dagli azzurri di Roberto Mancini e parlato del momento vissuto dal nostro calcio.

"Ero preoccupato già otto anni fa e mi pare che sia cambiato poco o nulla nella Nazionale italiana. Dobbiamo ripartire dal settore giovanile e dalla tecnica di base: siamo i migliori al mondo dal punto di vista tattico, ma tecnicamente siamo rimasti molto indietro e dobbiamo sollecitare i responsabili dei settori giovanili affinché i ragazzi ritrovino entusiasmo nel giocare la palla. C’è un dato che fotografa la realtà: in Serie A i primi 10 giocatori che sanno dribblare sono stranieri. Juventus? Sembrerebbe invincibile, ma il calcio è bello perché può succedere di tutto. Il Napoli ha una grande certezza che è Ancelotti e sono convinto che sarà ancora protagonista. Gli altri hanno iniziato a capire come si ferma il Napoli e la bravura di Ancelotti starà nel cambiare i giocatori nell’assetto tattico".

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy