Italia, in tv Mancini peggio di Ventura: lo share cala a picco, è record negativo

Italia, in tv Mancini peggio di Ventura: lo share cala a picco, è record negativo

I dati degli spettatori delle gare della nazionale italiana nella gestione di Roberto Mancini, Gian Piero Ventura e Antonio Conte a confronto

L’Italia di Roberto Mancini non vince e non convince, né sul campo né sullo schermo del televisore.

I numeri parlano chiaro: la nazionale azzurra, nelle prime sei gare con il nuovo c.t. in panchina, ha raccolto soltanto 38,3 milioni di telespettatori complessivi, la media è pari a 6,3 milioni a partita, con uno share medio del 27,04%. La miglior ‘prestazione’ è stata collezionata lo scorso 10 settembre durante il match contro il Portogallo, valevole per la seconda giornata della Nations League, con 7,6 milioni di spettatori e il 32,5% di share, mentre il record negativo è stato raggiunto ieri in occasione dell’amichevole giocata a Genova contro l’Ucraina, seguita da soltanto 5,8 milioni di spettatori e il 23,2% di share.

Italia-Ucraina 1-1: segna Bernardeschi, Malinovskyi pareggia i conti. Gli azzurri non vincono più…

Anche l’Italia di Gian Piero Ventura, le cui gare venivano trasmesse su Rai 1 e talvolta anche su Rai 4 con il commento della Gialappa’s Band, aveva fatto statistiche migliori: il totale degli spettatori nelle prime sei gare sale era stato complessivamente di 44,6 milioni, circa 8 milioni di spettatori in più rispetto ad oggi, la media è pari a 7,4 milioni di spettatori a partita, con uno share medio del 30,05%.

Andando ancora più indietro nel tempo, però, anche Gian Piero Ventura non regge il confronto televisivo con il suo precedessore, Antonio Conte, la cui Italia, nelle prime sei partite, aveva raggiunto 49,2 milioni di spettatori.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy