Hiljemark: “Svezia, Italia ci metterà in difficoltà. Noi abbiamo Ibrahimovic”

Hiljemark: “Svezia, Italia ci metterà in difficoltà. Noi abbiamo Ibrahimovic”

Le parole del centrocampista del Palermo direttamente dal ritiro in Francia della Nazionale Svedese: “Gli azzurri vorranno chiudere il discorso qualificazione, noi non essere tagliati fuori”

Commenta per primo!

Tolosa, Stadio Municipal. Venerdì 17 giugno, alle ore 15.00 l’Italia di Antonio Conte affronterà la Svezia del ct Hamrén. Vincere – per gli azzurri – vorrebbe dire qualificarsi, ma non avere l’assoluta certezza del primo posto nel girone E a Euro 2016.

Pioggia di critiche sulla Nazionale Svedese che nel day-1 è sì riuscita a evitare la sconfitta contro la Repubblica d’Irlanda, però non ha per nulla dato un’impronta alla gara, con Zlatan Ibrahimovic parso più isolato del solito.

Il rendimento degli scandinavi è un po’ migliorato nell’ultimo quarto d’ora del match di lunedì scorso, quando Hamrén ha operato un cambio e inserito John Guidetti. Ecco, le sostituzioni. Potrebbero essere queste le mosse vincenti in vista delle altre due partite del girone di qualificazione. Se lo augurano le riserve, vogliose di mettersi in mostra. E’ un auspicio anche per Oscar Hiljemark, rimasto a guardare per tutti e novanta i minuti dell’incontro di Saint-Denis. “Nessuno qui ha il posto fisso – premette il centrocampista del Palermo -. Tutti sappiamo che possiamo mettere, tra virgolette, in difficoltà il nostro allenatore, impegnandoci in allenamento e inducendolo a scegliere l’uno piuttosto che l’altro giocatore. Vi assicuro che in questo frangente ognuno di noi sta dando il massimo per contribuire alla qualificazione della nostra Nazionale”.

Zamparini: “Futuro Hiljemark? Qualsiasi giocatore può essere sostituito”

Il classe ’92 non può non far riferimento allo scorso match, quello contro la Repubblica d’Irlanda. “Troppo semplice dire che non siamo proprio soddisfatti e che ci aspettassimo un altro risultato. Volevamo la vittoria perché chi ben comincia è a metà dell’opera – sottolinea il calciatore ex Psv Eindhoven -. Dopo un inizio opaco, poi siamo riusciti a ritrovare noi stessi, sviluppando il gioco che ci appartiene maggiormente. Abbiamo avuto anche l’occasione per portare i tre punti a casa, ma l’abbiamo fallita”.

Adesso la sfida all’Italia per mantenere vive le speranze di qualificazione. Hiljemark ha la ricetta vincente: “Dovremo coinvolgere di più Ibrahimovic, è lui la nostra arma più pericolosa. Nel primo tempo della partita con l’Irlanda non ci siamo riusciti, mentre nella ripresa qualche suggerimento in più per il nostro numero 10 si è visto”. Di fronte un’Italia che ha acquisito maggior consapevolezza dei propri mezzi dopo la vittoria di lunedì sera contro il Belgio. “Sì, storicamente gli azzurri sono sempre stati avversari pericolosi da affrontare nelle competizioni internazionali. Sarà una bella partita, combattuta e anche divertente. Loro – conclude – vorranno chiudere il discorso qualificazione, noi non vogliamo essere tagliati fuori. Si battaglierà in campo, spero di essere presente”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy