Cairo rilancia Ventura: “Prenderlo è un affare. Mondiale? Non è stata tutta colpa sua…”

Cairo rilancia Ventura: “Prenderlo è un affare. Mondiale? Non è stata tutta colpa sua…”

Il presidente del Torino ha preso le difese dell’ex CT della Nazionale Italiana, Giampiero Ventura, rilanciandolo anche per un eventuale futura panchina

La delusione di una qualificazione mancata, quella agli imminenti Mondiali di Russia 2018, che stenta ancora ad essere dimenticata.

L’idea della Nazionale Italiana che non partecipa ad un Mondiale non rientra certamente nell’immaginario collettivo né degli italiani né degli appassionati di calcio di tutto il mondo. Sono certamente molte le cause della disfatta della Nazionale, ma uno dei protagonisti assoluti della vicenda (in negativo) è sicuramente Gian Piero Ventura, ormai ex commissario tecnico dell’Italia, aspramente criticato da tutti coloro che hanno avuto l’occasione di esprimere un’opinione sull’accaduto, a partire da uno studio televisivo fino al salotto di casa.

Oggi, ai microfoni di Radio Sportiva, il presidente del Torino Urbano Cairo ha rilasciato delle dichiarazioni controtendenza sull’operato dell’allenatore genovese, che era stato anche trainer della sua squadra, cercando di alleggerire le colpe dell’ex CT, accusando invece maggiormente la componente dirigenziale:

Non credo che la mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali sia stata tutta colpa sua, perché come sempre accade sono importanti gli allenatori e i giocatori, ma è fondamentale soprattutto la dirigenza. E, secondo me, c’è una bella componente dirigenziale che ha influito molto“.

Inoltre, il patron granata ha anche “sponsorizzato il tecnico ex Sampdoria, il quale al momento non siede su nessuna panchina italiana o estera: “Chi prende Gian Piero Ventura fa un affarone, perché lui quando è nella fase in cui deve ricominciare è veramente al suo massimo. L’ho trovato in gran forma e vogliosissimo di ritornare in pista”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy