VIDEO, Dybala: “Per Messi sono il suo erede? Che emozione, ecco chi vince la Champions. Quando ero al Palermo, Morata…”

VIDEO, Dybala: “Per Messi sono il suo erede? Che emozione, ecco chi vince la Champions. Quando ero al Palermo, Morata…”

L’intervista all’attaccante bianconero.

Commenta per primo!

Un infortunio che potrebbe costar caro alla Juve.

Paulo Dybala ha alzato bandiera bianca durante il primo tempo del derby contro il Torino (qui gli highlights del match) e adesso Allegri attenderà l’esito degli esami cui si sottoporrà l’argentino. Il rischio che possa star fermo per alcune settimane è reale. La sosta, in questo senso, sembra capitare nel momento più adeguato.

L’intervista – Intanto il classe ’93 torna a parlare e lo fa a cuore aperto ai microfoni dei media spagnoli. El Chiringuito de Jugones, nota trasmissione televisiva, raggiunge lo juventino a Torino e gli sottopone un tiro incrociato di domande: dai primi passi, agli idoli, passando per i suoi attuali compagni.

“Giocare nella Juve è una cosa magnifica, un vero sogno giocare in un club così importante. E’ stato un salto importante per la mia carriera, a 22 anni passare in una società del calibro della Juventus è indescrivibile – sottolinea Dybala -. La mia vita è stata segnata dalla perdita di mio padre, avvenuta quando ero ancora bambino. La sua morte mi ha fatto crescere, mi ha fatto diventare uomo prima del tempo. Io lo ringrazierò sempre perché è grazie a lui che mi sono avvicinato al mondo del pallone”.

Messi e CR7 – I due idoli di una generazione intera. “Quando un campione come Leo dice di te che sei il suo erede, vuol dire che stai lavorando bene, che stai alimentando al meglio il tuo cammino. Sono emozionato – le parole del bianconero -. CR7 è un giocatore di classe, da ammirare. Può trasformare ogni azione in goal“.

Liga e Champions – “Il Real ha un buon gioco. E’ difficile che in poco tempo Zidane possa dare il gioco che vuole. In attacco il Barça è la squadra più forte che ci sia”, prosegue Dybala che quindi dà il suo pronostico su chi alzerà la Champions: “Una tra blaugrana e Bayern”.

Rapporto con Morata – Ultima chiosa sull’amicizia che lo lega ad Alvaro: “E’ una gran persona, ora siamo amici. Quando io ero al Palermo e lui alla Juve mi fece un intervento molto duro, ma nonostante ciò ora siamo amici”, conclude.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy