Sacchi e la stoccata ad Allegri: “Io alla vittoria preferisco arrivarci con il gioco. Se Dybala non c’è…”

Sacchi e la stoccata ad Allegri: “Io alla vittoria preferisco arrivarci con il gioco. Se Dybala non c’è…”

Le parole dell’ex commissario tecnico della Nazionale italiana: “La Juve ha grandi qualità individuali. Il Tottenham, pur coi suoi limiti dovuti all’inesperienza, cerca invece la manovra corale…”

“Partita aperta. Il 2-2 dell’andata pesa, ma non è un macigno. Per la Juve la qualificazione è possibile”.

Parola di Arrigo Sacchi. Poco più di nove ore e sarà Tottenham-Juventus, match valido per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Una sfida delicata che potrebbe regalare alla squadra di Massimiliano Allegri il pass per i quarti. Intervistato ai microfoni de ‘La Gazzetta dello Sport’, l’ex commissario tecnico della Nazionale italiana ha detto la sua in vista della sfida in programma questa sera a Wembley.

“Vorrei vedere le notevoli qualità individuali messe a disposizione di un gioco collettivo, spettacolare e, di conseguenza, vincente. Se risulteranno decisivi gli episodi, allora la Juve può stare tranquilla: in questo caso i bianconeri vincono sempre. Hanno grandi qualità individuali, uomini che sanno affrontare e saltare l’avversario nell’uno-contro-uno. Il Tottenham, pur coi suoi limiti dovuti all’inesperienza, cerca maggiormente la manovra corale, il possesso del pallone. Ma la Juve mica si preoccupa se il gioco lo fanno gli altri: aspetta, chiude gli spazi e riparte”, sono state le sue parole.

SU DYBALA E HIGUAIN… – “Attaccanti straordinari, a patto che siano spesso alimentati dal gioco. Il mio Milan si confrontava col Napoli di Maradona e io ripetevo sempre ai miei ragazzi: ‘A Diego facciamo arrivare pochi palloni, così avrà meno occasioni per farci gol’. Gli attaccanti vanno stimolati, devono partecipare all’azione, altrimenti rischiano di intristirsi là davanti da soli. Oltre che una questione tecnica è anche un fatto psicologico. Se il pallone lo tieni tu, hai necessariamente un atteggiamento positivo, ottimista, creativo. Se lo tengono gli altri, sei passivo. Il gol di Dybala all’Olimpico contro la Lazio testimonia che un fenomeno può indirizzare il corso di un’intera partita? Il calcio è un gioco di squadra e non va interpretato pensando soltanto ai singoli. I singoli fanno parte di un gruppo. Certo, Dybala è stato fantastico, il suo gol è stato meraviglioso. Ma al risultato, alla vittoria, io preferisco arrivarci attraverso il gioco. Altrimenti il giorno che Dybala non c’è che cosa faccio?”, ha concluso Sacchi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy