Real Madrid-Juventus, l’analisi di Sconcerti: “Rigore corretto, ma esagerato. Buffon…”

Real Madrid-Juventus, l’analisi di Sconcerti: “Rigore corretto, ma esagerato. Buffon…”

Le parole del noto giornalista, Mario Sconcerti, dopo la discussa eliminazione in Champions League della Juventus

Un-gol vittoria arrivato al 97′ dopo il calcio di rigore concesso in extremis dal direttore di gara Michael Oliver, grazie al quale il Real Madrid è riuscito ad eliminare la Juventus di Massimiliano Allegri.

Una squadra che fino a quel momento era riuscita a siglare ben tre reti, pareggiando il risultato della gara di andata. Di seguito, l’editoriale del noto giornalista e opinionista televisivo, Mario Sconcerti, per il ‘Corriere della Sera’.

“La diversità con l’incredibile partita della Roma è che il Real c’è stato sempre. Non è scomparso come il Barcellona. Ha commesso molti errori, come ogni volta che deve rincorrere l’avversario, ma ha continuato a vivere sul campo. L’arbitro poi ha deciso tutto all’ultimo minuto con un giudizio che aveva correttezza ed esagerazione. Difficile contestarlo, difficilissimo accettarlo. È stata una partita non immaginabile, come se qualcosa nel vento avesse davvero girato il senso del calcio. In realtà non c’era mai stata la differenza di Torino fra queste due squadre opposte, al punto che il gol che alla fine ha deciso non è stato il rigore di Ronaldo, ma quel suo gol in rovesciata che è già entrato nell’epica del calcio. Tutto scivola via nel gesto di un solo calciatore, il resto è rammarico e diversità, ma non distanza. Real-Juve era e rimane una partita aperta. La Juve ha comunque battuto il Real a casa sua in modo netto, pauroso. Esce dalla Champions senza aver capito dove ha davvero sbagliato”.

VIDEO, furia Chiellini. Gesto shock ai giocatori del Real Madrid: “Voi pagate!”

Il giornalista ha poi proseguito analizzando le singole prestazioni degli uomini protagonisti del rocambolesco match: “Ronaldo è stato l’uomo oltre la linea dell’orizzonte, ha deciso ma non sconvolto i valori. Più nel tecnico, la partita ha raccontato l’importanza tattica di Mandzukic, l’altro uomo del confine con i suoi gol e i suoi rientri, l’azzardo necessario per una Juve che non ha abbastanza mezzi normali per andare oltre i grandi avversari. Le difficoltà di Higuain a rimanere solo, la leggerezza di Pjanic, un fuoriclasse che si è abituato al facile; la presenza di Buffon fino in fondo, fino alla spinta all’arbitro che non può chiudere la sua carriera in Champions. Non è chiaro ormai dove sia il limite di Buffon, se nella necessità di smettere per età o nel bisogno che ne hanno gli altri. Niente dice che debba farlo, tantomeno la partita di Madrid. Si può eccepire che sul 3-0 la Juve si è molto più chiusa, ma non è stata una scelta, è stata una necessità. L’avversario esisteva e andava per linee verticali, non si accontentava di tenere il pallone. Così quasi stancamente si è arrivati al rigore, un rigore di sfinimento. Nessuno ci credeva più, tutti pensavano di poter andare oltre la regola, compreso Benatia. È una straordinaria impresa mancata frutto di un’altra impresa fallita, quella della partita in casa. Le squadre sono allo stremo della loro grandezza, questo le rende imprevedibili e vicine. Entrambe un po’ troppo usate. La forza della Juve è stata rendere la seconda gara una moneta impazzita, ma aveva già buttato via la qualificazione. Il Real è una bellezza rinascimentale che ha già preso la via del barocco. Dispiace, è mancato un soffio, ma era nell’aria”.

Buffon, parole d’addio dopo Real Madrid-Juventus: “Spiace lasciare questi ragazzi…”

VIDEO, Real Madrid-Juventus: il grido di dolore di Buffon, ma quando arriva CR7…

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Peppe Guttuso - 7 mesi fa

    Cioè, unnu capivu

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Anna Marsala - 7 mesi fa

    E tu?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rosario Biondo - 7 mesi fa

    Non sanno perdere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. byfolko - 7 mesi fa

    Ahahahah ”l’analisi di Sconcerti” quello che scrisse che CR7 alla Juve avrebbe fatto panchina. Ed io devo pagare il canone per questo elemento che il primo che trovo al bar sport ne sa di più. Povero Gianni Brera…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy