Juventus, Chiellini: “Torno in Nazionale per senso di responsabilità. Rinnovo? Non c’è spazio per altre esperienze…”

Juventus, Chiellini: “Torno in Nazionale per senso di responsabilità. Rinnovo? Non c’è spazio per altre esperienze…”

Le parole di Giorgio Chiellini a proposito della scelta di vestire nuovamente la maglia della Nazionale Italiana e del rinnovo del contratto con la Juventus.

di Mediagol8, @Mediagol

Giorgio Chiellini, difensore e vice-capitano della Juventus, si è espresso in una lunga intervista concessa a ‘Il Giornale’, a proposito della scelta di vestire nuovamente la maglia della Nazionale Italiana, a seguito della mancata qualificazione degli azzurri al Mondiale in Russia, in vista delle amichevoli contro Inghilterra e Argentina in programma a fine marzo.

C’è un vuoto nello stomaco, che non si è certo cancellato in questi mesi. La fortuna è essere troppo impegnati per pensarci. Ho parlato con Di Biagio. Si torna a Coverciano per senso di responsabilità. Buffon? Ritengo che la scelta di Gigi sia giusta. Non per dare un contentino, nessuno di noi ha bisogno di contentini. C’è un percorso graduale da fare. Non è che puoi cambiare tutto solo perché hai perso una partita. Da qui a giugno sarà così. Poi vedremo chi sarà il ct e ci saranno altre valutazioni da fare. Personalmente spero che giochi il più possibile. Comunque sarà molto più grande il vuoto fuori dal campo che non dentro, non perché non sia bravo ma per tutto quello che abbiamo vissuto. Uno sguardo e ci capiamo.

Buffon: “Farò le prossime amichevoli con l’Italia per senso di attaccamento. Ritiro dal calcio? E’ come morire…”

Il difensore classe ’84 veste la maglia bianconera da ormai tredici stagioni ed ha un contratto in scadenza a giugno:
Sono in famiglia e do tutto me stesso. Dopo spero di dare una mano, in qualsiasi modo servirà. Sono fortunato a essere diventato parte della storia di questo club. Il rinnovo? Lo faremo, prima pensiamo al campo. Dopo questi altri due anni, non credo ci sarà tanto spazio per altre esperienze. Avrò 34 anni ad agosto… Non pensavo di mantenere questi standard. Non ho l’esplosività di dieci anni fa, ma ho una maturità completa: guadagni così tanto in esperienza, che ti stanchi meno. Meno falloso? Forse perché sprechi meno energie e sei più lucido. Ho trovato un buon equilibrio, ma è tutta la squadra che aiuta il singolo.

La Juventus sfiderà domani sera al ‘Wembley Stadium’ il Tottenham, in occasione della gara di ritorno degli ottavi di finale di Champions League:
La Juventus deve fare la Juventus. Se facciamo la nostra partita, vinciamo. Il Tottenham è votato all’attacco, ha tanta qualità e concede qualcosa: non verranno all’arrembaggio ma le caratteristiche non le cambi in un giorno. Kane sta tra i primi tre-quattro attaccanti del mondo. Speriamo di aver più giocatori possibili per avere più armi a partita in corso. Sono in leggero vantaggio loro: hanno fatto due gol in casa nostra e qualcosa vorrà pur dire. Ma è tutto aperto e lo sanno anche loro. Dopo l’andata li conosciamo un po’ di più. Davanti hanno quei quattro che non ti danno riferimenti. Andiamo a Londra con equilibrio, senza slogan. È sempre stata la nostra forza.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy