Juventus, Bonucci ammette: “Ho pensato di lasciare il calcio. Mia moglie ancora di salvezza”

Juventus, Bonucci ammette: “Ho pensato di lasciare il calcio. Mia moglie ancora di salvezza”

Il difensore della Juve ha raccontato la paura vissuta per la malattia del figlio Matteo.

Commenta per primo!

Successi e vittorie con la Juve, festeggiamenti e soddisfazioni per Leonardo Bonucci in questo 2016 che fra pochi giorni si farà da parte per dare spazio al 2017.

L’anno che sta per concludersi, però, non è stato tutto rose e fiori per il difensore del club campione d’Italia, che alcuni mesi fa ha vissuto un vero e proprio periodo di terrore per una malattia che ha colpito il figlio Matteo e che ha fatto vacillare anche alcune certezze della vita del difensore classe ’87. In una lunga intervista concessa a ‘La Repubblica’, Leonardo Bonucci, ha raccontato i mesi di paura passati dalla sua famiglia: “Prima degli Europei a mio figlio Matteo era stata rimossa una piccola ernia inguinale. Una sciocchezza, eppure abbiamo avuto la sensazione che Matteo stesse cambiando. All’inizio pensavamo che la ragione era da ricercare in un residuo di anestesia da smaltire, ma poi una serie di suoi comportamenti ci preoccuparono. Tornammo immediatamente a Torino,  e gli esami diagnostici rivelarono una patologia acuta. Bisognava intervenire subito. Il giorno successivo Matteo entrò in sala operatoria alle otto della mattina e ne uscì alle quattro del pomeriggio. Mentre superava le porte della chirurgia Matteo ci ha fatto il verso del leone, come se volesse infondere coraggio più a noi che a sé. Dopo ho raccolto il suo peluche, un orsetto bianco, mi sono seduto in un angolo della stanza e ho fatto una chiacchierata con Dio: sia fatta la tua volontà, gli ho detto, ma non dimenticare che è solo un bambino. Molte persone mi sono state vicine e per i tifosi, non soltanto della Juventus, che mi hanno dimostrato affetto ho anche pianto in tv – ha dichiarato -. Matteo è tornato a casa il dieci agosto, a tredici giorni dall’intervento. Un recupero record. Abbiamo spiegato la situazione a Lorenzo, abbiamo parlato a lungo e pazientemente con Matteo per renderlo consapevole che era successo qualcosa di molto importante, ma che non doveva avere paura perché sarebbe tornato come prima. In quelle settimane sono stato sfiorato dall’idea di abbandonare il calcio, avevo completamente accantonato l’obbligo di pensare al mio lavoro. Proprio non ci riuscivo, ma per fortuna ho accanto mia moglie. Lei mi ha dato stabilità, sempre lei mi ha tirato fuori dal pozzo dopo ogni caduta, come quando mi sono trovato, da innocente, sbattuto nell’inchiesta sul calcio scommesse. Martina mi ha insegnato a essere fiero di me stesso nel bene e nel male. E ho capito che nel dolore tutte le famiglie si assomigliano. I privilegi si azzerano nella sventura, se vuoi riemergere devi lottare“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy