Funerali Astori, la toccante lettera di Badelj: “Tu non sei come gli altri. Tu sei il calcio, quello puro dei bambini”

Funerali Astori, la toccante lettera di Badelj: “Tu non sei come gli altri. Tu sei il calcio, quello puro dei bambini”

Il toccante messaggio letto dal centrocampista della Fiorentina, in rappresentanza della squadra: “Tu parlavi la lingua universale del cuore”

di Mediagol3, @Mediagol

L’ultimo saluto a Davide Astori.

Pochi istanti fa sono terminati i funerali in quel di Firenze del capitano della Fiorentina, tragicamente scomparso nella notte tra sabato e domenica a Udine a causa di una bradiaritmia cardiaca. Molto toccante l’omelia del cardinale Betori, così come il messaggio letto da Milan Badelj, in rappresentanza di tutta la Fiorentina. Di seguito, le parole del centrocampista croato per ricordare il compagno di squadra.

“Sarò breve come vorresti tu. Davide in ebraico vuol dire matto, diletto, tanti Re hanno avuto il tuo nome. Col tuo sguardo profondo sei entrato in tutti noi. E ci sei rimasto. Tutte le persone che sono qui oggi lo dimostrano. Hai sempre parlato con tutti noi, pur non conoscendo spesso le lingue, sei stato dalla parte dei giovani e degli anziani. Perché tu parlavi la lingua universale del cuore. I tuoi genitori non hanno sbagliato una virgola con te, sei il figlio e il fratello che ognuno vorrebbe avere se potesse scegliere. E sei il miglior compagno di squadra che ognuno vorrebbe avere. Tu non sei come gli altri. Tu sei il calcio, quello vero, quello puro dei bambini. Come ti piaceva definirti designer di fama internazionale, e calciatore nel tempo libero. Il nostro pensiero va ai genitori, ai tuoi fratelli, a Francesca e alla principessa Vittoria a cui piace l’uva come a te. Sei un uomo con la U maiuscola. Al mattino quando arrivavi nella stanza della fisioterapia, eri sempre tu ad accendere la luce. Tu sei luce, per tutti noi”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy