Matheus Cassini torna in Brasile: “Sogno ancora di giocare nel Barcellona o nel Real”

Matheus Cassini torna in Brasile: “Sogno ancora di giocare nel Barcellona o nel Real”

L’attaccante classe ’96 ha risolto il contratto che lo legava al Palermo ed è tornato in Brasile: “Sogno ancora di poter giocare nel Real Madrid o nel Barcellona”.

Commenta per primo!

Zero minuti in Prima Squadra. Arrivato con l’etichetta di ‘nuovo Dybala‘, Matheus Cassini non ha mai ricevuto l’occasione di scendere in campo con i ‘grandi‘ del Palermo.

Primi quattro mesi (da settembre a dicembre 2015) con la Primavera rosanero, poi il prestito all’Inter Zapresic (dove ha giocato appena sei partite, affiancando a volte Nestorovski), quindi l’altro prestito: in Italia, in Sicilia, nel Siracusa, in Lega Pro. Con la squadra di Sottil ha trovato un po’ di continuità, giocando 15 partite. Ma…

… ma il 31 gennaio è stato raggiunto con il Palermo (società che deteneva il suo cartellino) l’accordo relativo alla risoluzione del contratto. “A distanza di due anni, dico che ho sbagliato a lasciare il Brasile a 19 anni. Ero solo un ragazzino. Non dico che mi dispiace, perché comunque ho fatto la mia esperienza. Ho tratto importanti lezioni da questi due anni”, ha raccontato Matheus Cassini che, da qualche giorno, è un nuovo calciatore del Ponte Preta, squadra brasiliana. “Adesso ho una grande opportunità tra le mani, cioè potermi affermare con la maglia di un importante club come il Ponte Preta. Non vedo l’ora di giocare e mostrare il mio potenziale”.

Nessuna polemica, ma la voglia di ripartire. “Ho vissuto momenti buoni e momenti meno buoni in Europa, la cosa più importante per me è aver fatto un’esperienza che non tutti riescono a vivere. Ho imparato tanto – aggiunge Cassini -. A mio avviso, tornare in Brasile per giocare nel Ponte Preta non è un passo indietro, ma un passo in avanti nella mia carriera“.

“Cosa non è andato bene al Palermo? Difficile elencare i problemi, ma non voglio far polemica e nemmeno sbilanciarmi. Voglio voltar pagina e iniziare una nuova vita qui al Ponte Preta – sottolinea il classe ’96 -. Apprezzo molto la fiducia che mi sta dando il club, che ha una grande tradizione. Ovviamente, come ogni brasiliano, sogno di riuscire un giorno a giocare al Barcellona o nel Real Madrid. Come si suol dire, ogni cosa a suo tempo”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy