Cittadella-Catania 3-2: le pagelle del match

Cittadella-Catania 3-2: le pagelle del match

Natale amaro per i rossazzurri di Pellegrino che perdono malamente contro il Cittadella concludendo la partita addirittura in otto. Difesa bocciata in toto, così come la mediana dove i giovani.

Commenta per primo!

Natale amaro per i rossazzurri di Pellegrino che perdono malamente contro il Cittadella concludendo la partita addirittura in otto. Difesa bocciata in toto, così come la mediana dove i giovani hanno deluso e a Rinaudo ha aperto con la sua espulsione le porte dell’inferno.

Frison 5,5- A volte il numero uno etneo fa un po’ pena. Anche contro il Cittadella è stato costretto a raccogliere i palloni in fondo al sacco senza alcuna responsabilità.

Parisi 4 – Perde qualche palla sanguinosa ad inizio partita che condiziona il resto del match. Non spinge con convinzione e in difesa arranca davanti alla velocità di Minesso. A tratti un pericolo pubblico.

Spolli 5 – Naufraga insieme a tutta la difesa. Anche il capitano argentino sembra una pedina facilmente superabile che si arrende definitivamente dopo il 2-0.

Rolin 4 – Pessimo ritorno in campo per il difensore uruguaiano che sembra giocare sulle uova. Molle e poco convinto in occasione del gol del vantaggio di Sgrigna, si rende responsabile anche sulla terza rete dei padroni di casa.

Ramos 5,5 – Pellegrino gli chiede soprattutto attenzione in fase di non possesso e dal suo lato il Catania soffre meno, ma ancora non è pronto. Manca quasi totalmente la propulsione offensiva e la bocciatura è inevitabile.

Escalante 4,5 – Prestazione condizionata da uno stato di forma non ideale, ma a conti fatti è ancora uno dei peggiori in campo. Confusionario e molto impreciso in una zona di campo dove serve principalmente fosforo.

Rossetti 6 – Sufficienza di incoraggiamento per il giovane che ha il merito di procurare il calcio di rigore della speranza.

Rinaudo 4,5 – La palla spassa spesso dai suoi piedi, ma l’unica idea è il passaggio orizzontale. Non dá ritmo all’azione e senza le verticalizzazioni la manovra risulta stantìa. Ad aggravare la sua prestazione l’espulsione per doppio giallo.

Chrapek 5 – Poco incisivo in mezzo al campo, il polacco risulta evanescente in fase offensiva e fuori posizione in quella di non possesso. Netto passo indietro rispetto a qualche settimana fa.

Leto 4,5 – Il vecchio Leto è tornato a far infuriare il tifo catanese. Dribbling, contro dribbling, auto dribbling ed infine palla persa. È questo lo spettacolo offerto continuamente dal numero undici fino al sospirato cambio.

Castro 6,5 – L’argentino si rivede in campo nella giornata più difficile. Tenta qualche spunto interessante ed è lui con le sue giocate a suonare la carica per l’utopistica rimonta.

Cani 5 – L’attaccante albanese ci prova a rendersi pericoloso, ma lontano dall’aerea di rigore non fa paura a nessuno. Quando parte palla al piede è inconcludente e nel tridente non si capisce quale possa essere il suo apporto.

Calello s.v.

Calaiò 6,5 – Assente ingiustificato per settanta minuti. Tanti errori e soprattutto poca convinzione in ogni giocata tentata, ma almeno sotto porta si fa sempre trovare pronto

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy