Catania: mano più dura, Lega Pro e 10-12 punti di penalizzazione?

Catania: mano più dura, Lega Pro e 10-12 punti di penalizzazione?

Da giugno l’ambiente catanese aspetta con ansia di sapere quali saranno le sorti del club etneo a seguito dello scandalo legato alla compravendita di sei (anche se per Pulvirenti restano cinque, ndr).

Commenta per primo!

Da giugno l’ambiente catanese aspetta con ansia di sapere quali saranno le sorti del club etneo a seguito dello scandalo legato alla compravendita di sei (anche se per Pulvirenti restano cinque, ndr) partite utili per salvare la squadra dalla retrocessione in Lega Pro. Nel processo sportivo di martedì, il procuratore federale Palazzi aveva chiesto ai giudici una sorta di ‘premio’, un significativo sconto di pena per i rossazzurri, in base all’articolo 24. Non un patteggiamento, vietato peraltro per l’illecito sportivo, ma una ‘proposta’ della Procura su cui la difesa del Catania si era impegnata a non fare ricorso in appello: cinque punti e retrocessione in Lega Pro, cinque anni di squalifica per Antonino Pulvirenti, il presidente reo confesso. Tutto in base alla ‘collaborazione’ fornita alla procura federale e immediatamente trasferita da Palazzi, anche fisicamente, ai pm di Catania.

Alla proposta di Palazzi, fa però da contraltare l’orientamento del collegio giudicante presieduto da Sergio Artico. Il Catania – ipotizza la rosea quest’oggi in edicola – sarà condannato alla retrocessione in Lega Pro con una penalizzazione superiore ai 5 punti chiesti dal procuratore federale. Un handicap a quota 10-12, condito però da una multa record, probabilmente di diverse centinaia di migliaia di euro, proprio per irrobustire la sanzione. Un modo per non smentire l’impostazione ‘palazziana’, arginandone però una traduzione troppo spinta. In questi giorni si continuerà a lavorare: per le sentenze c’è ancora tempo. Si ipotizza possano arrivare mercoledì 19 agosto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy