Catania-Lecce 0-0: le pagelle del match

Catania-Lecce 0-0: le pagelle del match

Commenta per primo!

Pareggio incoraggiante per il Catania viste le recenti prestazioni deludenti. Bene il centrocampo che con Musacci, Agazzi e Di Cecco ha dimostrato lucidità e solidità. Qualche disattenzione di troppo sugli esterni dove Garufo e Nunzella hanno sofferto eccessivamente l’esuberanza di Surraco e Doumbia.

Liverani 6,5 – Se in occasione del penalty deve ringraziare l’imprecisione di Moscardelli, è invece tutto suo il merito del salvataggio sempre sul numero nove con un balzo felino a deviare il tap in da pochi passi.

Nunzella 5 – Che sofferenza per il terzino rossazzurro. Surraco e Lepore sono due spine nel fianco e non è un caso se i pericoli maggiori arrivano proprio dal suo lato. Naturale conseguenza la limitata spinta in fase offensiva.

Parisi s.v.

Bastrini 6 – Viene schierato a sorpresa da Pancaro e tutto sommato non demerita. Ha sofferto il dinamismo di Moscardelli e i numerosi traversoni provenienti dal fondo, ma alla fine porta a casa la sufficienza.

Bergamelli 6 – Puntuale e sempre lucido.

Garufo 5,5 – Tanti errori da parte del terzino rossazzurro che sia in fase di impostazione che di non possesso non ha mai dato le garanzie sperate da Pancaro.

Di Cecco 6,5 – Partita in crescendo per il centrocampista ex Lanciano che dopo una partenza contenuta è riuscito a prendere le redini della mediana. Recupera palloni e uomo d’ordine. Tanta sostanza per il centrocampo rossazzurro

Musacci 7 – Finalmente una prestazione all’altezza della sua esperienza e del suo tasso tecnico. Pochi errori e tanta lucidità per il regista che a differenza delle recenti uscite ha verticalizzato con maggior frequenza creando pericoli costanti alla retroguardia avversaria.

Bombagi 6 – Entra nella ripresa e nonostante la condizione fisica precaria regge botta. Prova qualche inserimento palla al piede e cerca di creare la superiorità numerica, ma non sempre ci riesce. Comunque buona la prima.

Agazzi 6,5 – Bene sia da mezzala che da regista dopo l’uscita di Musacci. Ha personalità e buona tecnica, deve solamente trovare la continuità.

Falcone 6 – Pimpante nonostante la condizione fisica non eccellente. Non gli si può rimproverare nulla anche se non è la sua migliore prestazione.

Calderini 6 – Cerca di creare la superiorità numerica, ma non sempre riesce a superare il suo diretto avversario. A volte si dimentica l’esistenza della fase di non possesso.

Lupoli s.v.

Calil 6,5 – Stavolta il buon Caetano ci ha provato in tutti i modi: di punta, dalla distanza e con un bolide all’interno dell’area di rigore. La fortuna non l’ha assistito, ma i movimenti, soprattutto nel primo tempo, sono sembrati convincenti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy