Coronavirus, la lodevole iniziativa dell’Udinese: la “Dacia Arena” si trasforma in un hub vaccinale

Il club bianconero ha messo a disposizione il proprio impianto sportivo per incrementare il ritmo della campagna vaccinale

coronavirus

Lodevole iniziativa dell’Udinese calcio.

Il club bianconero, per incrementare il ritmo della campagna vaccinale anti-Covid avviata da Confindustria Udine, metterà infatti a disposizione gli ambienti della Curva Nord. L’Udinese ha voluto dare un contributo importante nella lotta al Covid-19, offrendo la “Dacia Arena” come luogo in cui effettuare le vaccinazioni destinate al personale delle aziende di cui Confindustria Udine si è fatta promotrice, raccogliendo oltre 18mila adesioni.

Presente alla conferenza stampa il Direttore Generale dell’Udinese Calcio Franco Collavino, come riportato sul sito ufficiale del club, ha così commentato l’iniziativa:

“Siamo contenti di questa bella sinergia che si è creata con Confindustria, che è iniziata poco più di un anno fa e si sta traducendo in iniziative concrete soprattutto verso il territorio. Siamo contenti di fare la nostra parte, in prima linea in questa battaglia, e siamo felici di dare il nostro contributo all’organizzazione della campagna vaccinale aziendale a cui anche Udinese Calcio ha aderito e per essere portatrice di un messaggio positivo: la salute è un bene primario ed è importante che questo messaggio risuoni forte.
Dobbiamo sempre ricordarlo, la Dacia Arena è stata pensata come una struttura multifunzionale, non soltanto per il calcio e il matchday ma come una struttura operativa sette giorni su sette, multifunzionale e a servizio per il territorio. Oggi, grazie alla collaborazione con Confindustria e Croce Rossa Italiana, abbiamo la possibilità di mettere a disposizione la Dacia Arena per il servizio alla cittadinanza e questo per noi è un motivo di grande orgoglio.
Saremo i primi a mettere a disposizione gli spazi anche interni della Dacia Arena per la campagna vaccinale. Abbiamo pensato di mettere a disposizione la Curva Nord con gli ampi parcheggi esterni e l’area interna che permettono flessibilità nell’organizzazione di tutte le attività. C’è anche un piccolo sogno nel cassetto: organizzare queste attività anche all’esterno, sugli spalti. A mio avviso sarebbe un gesto bellissimo e significativo nell’ottiva della riapertura degli stadi, che tutti ci auguriamo possa avvenire quanto prima”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy