Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

Le dichiarazioni

Fiorentina-Juventus, Italiano: “Poco lucidi! Ikoné in crescita”. E su Vlahovic…

Fiorentina-Juventus, Italiano: “Poco lucidi! Ikoné in crescita”. E su Vlahovic…

Le dichiarazioni dell'allenatore della Fiorentina, Vincenzo Italiano, a margine della semifinale d'andata di Coppa Italia contro la Juventus di Massimiliano Allegri

Mediagol ⚽️️

Ko pesante per la Fiorentina di Vincenzo Italiano. La Juventus di Massimiliano Allegri ha espugnato il Franchi di Firenze grazie ad un autogol di Venuti in piena zona Cesarini. Una partita speciale, in particolare, per il bomber bianconero Dusan Vlahovic, attaccante della Fiorentina sino a poche settimane fa. L'accoglienza riservata al serbo è stata letteralmente infernale con i fischi dei tifosi della Viola a rimbombare nelle orecchie del numero nove alla corte di Max Allegri per l'intera durata della sfida. A margine della sfida valida per l'andata della semifinale di Coppa Italia è intervenuto in conferenza stampa il coach Vincenzo Italiano. Di seguito, le dichiarazioni del tecnico ex Spezia.

"Purtroppo continuiamo a non essere lucidi nei minuti finali. Alcune partite se non le sblocchiamo o indirizziamo, puntualmente le perdiamo. Sinceramente non so cosa rimproverare alla squadra, abbiamo tirato 22 volte in porta e concesso poco. Dobbiamo crescere, il lavoro è iniziato ora ma non riusciamo a mettere ciliegine. Abbiamo il secondo round, andiamo a giocarcela. Poco cinismo? Questo è un problema che abbiamo da inizio anno, gli esterni lavorano e si sacrificano ma devono essere più concreti e velenosi, pretendere di più da loro stessi ed essere efficaci. Ikoné sta crescendo, ci voleva pazienza per metterlo a regime: avrebbe potuto segnare due gol a Sassuolo e stasera ma è ancora fermo a quota zero, gli faremo capire quanto è importante. Qualche ripartenza la Juventus te la può sempre creare e questo hanno fatto. Sull’ultima palla dovevamo percepire il pericolo e stare attenti, siamo stati castigati eccessivamente. Mi fa arrabbiare però che non concretizziamo: la mole di palle gol deve fruttare. Vlahovic? Abbiamo un bel rapporto, è cresciuto tanto ed è un campione. Gli auguro il meglio".

 

tutte le notizie di