L.A. Galaxy, il solito Ibrahimovic: “Vela meglio di me? Io in MLS sono come una Ferrari tra le Fiat…”

L.A. Galaxy, il solito Ibrahimovic: “Vela meglio di me? Io in MLS sono come una Ferrari tra le Fiat…”

Le dichiarazioni rilasciate da Zlatan Ibrahimovic alla vigilia del derby in programma nella notte tra venerdì e sabato contro il Los Angeles Fc di Carlos Vela

Mai banale Zlatan Ibrahimovic.

L’esperto attaccante classe ’81, che nel 2018 ha scelto di sbarcare in MLS, fra poche ore affronterà l’ennesimo derby della sua lunga e gloriosa carriera. Nella notte fra venerdì e sabato, infatti, il L.A. Galaxy sfiderà il Los Angeles Fc fra le mura amiche del StubHub Center.

E se la squadra di Ibra dopo venti giornate occupa il terzo posto in classifica, il Los Angeles Fc è l’attuale capolista del torneo, trascinata dalle reti messe a segno fin qui da Carlos Vela.

“Se mi sento più forte di lui? Di gran lunga – ha risposto il centravanti ex Milan, intervistato ai microfoni di ESPN in vista del big-match -. Non ho dubbi. Quanti anni ha lui? 29? E gioca già in MLS. Io dove ero a quell’età? In Europa. Beh, c’è una bella differenza… Il campionato americano non è allo stesso livello di quelli europei. Dobbiamo essere onesti e ammetterlo. Prima giocavo con giocatori al mio livello, o quasi. Invece qui sono come una Ferrari in mezzo alle Fiat. Succedeva una cosa simile anche quando giocavo con la Nazionale svedese. Non voglio che la palla non mi arrivi o che mi arrivi troppo tardi. Voglio che tutti siano al mio livello. Le partite qui potrebbero essere più veloci, più tattiche, con più ritmo”.

DERBY – “Il derby più sentito che abbia mai giocato è sicuramente il Clasico fra Barcellona e Real Madrid. Quello più intenso invece è in Italia, fra Milan e Inter. Quelle sì che erano sempre grandi partite. Sono venuto qui perché un giorno mi sono detto che sarei andato in America e avrei mostrato a tutti come si gioca a calcio”, ha concluso il solito Ibra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy