Nocerino-Mediagol: “Ho deciso il mio futuro. Liverani predestinato, Tedesco lo vedo a Palermo. Rossi e Allegri top, Napoli mio rimpianto”

Nocerino-Mediagol: “Ho deciso il mio futuro. Liverani predestinato, Tedesco lo vedo a Palermo. Rossi e Allegri top, Napoli mio rimpianto”

L’intervista esclusiva realizzata dalla redazione di Mediagol.it all’ex centrocampista di Milan e Juventus, Antonio Nocerino

Antonio Nocerino ha già tracciato la sua strada professionale dopo il ritiro dall’attività agonistica. L’ex mezzala di Juventus, Milan e Palermo ha deciso di capitalizzare le conoscenze maturate sul terreno di gioco per costruirsi una brillante carriera nelle vesti di allenatore. I primi passi in panchina, l’ex centrocampista campano li sta muovendo con la formazioni under 15 e under 17 dell’Orlando City, club statunitense di MLS in cui l’ex rosanero ha militato nella stagione 2016-2017. Le sue prospettive future ed il rapporto con i grandi allenatori che lo hanno guidato in carriera, tra i temi approfonditi da Nocerino nel corso dell’intervista esclusiva concessa alla redazione di Mediagol.it.

Adesso ho preso il patentino di Uefa B e ho iniziato ad allenare l’Under 15 e 17 qui ad Orlando. A me non piace la scrivania, a me piace stare in campo e vivere il calcio come l’ho vissuto da calciatore, trasmettere la stessa mia passione ai giovani. Ho scelto il ruolo che più si addice per come sono fatto io; apprendo ogni giorno, studio, questa nuova esperienza sta andando alla grande. Rimpianti nella mia carriera? Forse uno ce l’ho, non ho mai giocato nella squadra della mia città, forse è quello il mio unico rimpianto, ma sono comunque contento di quello che ho fatto nel mio percorso e ricevuto dal mondo del calcio. Gattuso sulla panchina del Napoli? E’ un grande allenatore e un gran professionista, un allenatore che ti permette di dare un’identità alla squadra che spero possa fare benissimo in questo prosieguo di campionato. Liverani e Tedesco allenatori? Di Fabio me l’aspettavo poiché lui è sempre stato un allenatore in campo, di Giovanni me l’aspettavo un po’ meno, però ha sempre fatto bene. Tedesco lo avrei immaginato sulla panchina del Palermo, spero che un giorno lui possa sedersi sulla panchina rosanero perché oltre ad  essere un tifoso è una persona molto competente.  A quale allenatore mi ispiro? Con Delio ho avuto un grande rapporto, soprattutto umano, quindi per me lui è uno dei più grandi, come Iachini e come Allegri che mi ha aiutato molto al Milan: sono allenatori che mi porto tutti nel cuore”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy