Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

L'INTERVISTA

Baiano-Mediagol: “Napoli top, segnale forte per Inter e Milan. Juventus? C’è tempo”

Baiano-Mediagol: “Napoli top, segnale forte per Inter e Milan. Juventus? C’è tempo”

Il doppio ex di Foggia e Palermo, Francesco Baiano, nel corso dell'intervista rilasciata in esclusiva ai microfoni della redazione di Mediagol.it, ha trattato diversi temi caldi, soffermandosi anche sul campionato di Serie A e sul Napoli di Spalletti

⚽️

L'ex attaccante di Foggia, Fiorentina e ParmaFrancesco"Ciccio"Baiano, intervenuto ai microfoni del format di approfondimento calcistico "RadioMediagol", si è raccontato a 360° trattando diversi temi importanti anche in vista della sfida tra  Palermo e Foggia, in programma allo stadio "Renzo Barbera" domenica alle ore 17.30. L'ex bomber, esploso calcisticamente nel club pugliese dove ha militato dal 1990 al 1992 sotto la guida di Zdenek Zeman, ha espresso la propria opinione anche sul campionato di Serie A, che vede momentaneamente in vetta alla classifica il Napoli di Spalletti, con le due milanesi subito dietro, la Roma di Mourinho e la Juventus di Allegri costrette ad inseguire.  La lotta scudetto analizzata da Francesco Baiano nel corso dell'intervista esclusiva concessa ai microfoni della redazione di Mediagol.it.

"Napoli? L'organico è competitivo e ha la possibilità di dire la sua in campionato e magari trionfare. Il problema è che insieme agli azzurri ci sono almeno altre quattro squadre, è vero che la Juventus è attardata ma sono convinto he da qui a marzo sarà lì sopra a lottare. Se porti i bianconeri nel gruppone diventano anche loro autorevoli pretendenti alla conquista del titolo, poi ci sono Inter, Milan, Lazio e Roma. Ci sono diverse squadre forti, la partenza del Napoli ha comunque dato un segnale forte sia al campionato che alla testa dei propri calciatori. Ho visto una squadra consapevole della propria forza a parte lo scivolone avuto in Europa League, gli azzurri hanno sottovalutato lo Spartak Mosca. Spalletti & Co partivano da favoriti, in Europa non puoi rilassarti un attimo nonostante giocassimo contro una squadra normale. L'espulsione ha poi complicato le cose. Nelle ultime due partite sono andati sotto senza fare drammi, hanno rimesso palla al centro e sono riusciti a ribaltare il match. Spalletti è un ottimo allenatore ma è anche vero che la squadra è molto forte".

tutte le notizie di