Palermo, Tedesco risponde a Sagramola: “Viene da piangere dopo una stagione del genere, resta solo una cosa”

Le parole dell’ex calciatore rosanero

palermo

Parole dure quelle rilasciate da Giovanni Tedesco tramite un post su Instagram.

Sagramola: “Voci su Filippi e Castagnini destabilizzanti. Ferrero ed il Palermo? Spiego il mio pensiero”

Corsa, grinta e doti realizzative sopra la media. Erano queste alcune della caratteristiche che hanno reso Giovanni Tedesco uno dei calciatori più amati dalla tifoseria rosanero. Un sacrificio totale quello che l’ex centrocampista ha sempre messo in campo per la causa Palermo, alla quale ha dato il suo contributo sul terreno di gioco negli anni tra il 2006 e il 2010. Tanti successi e soddisfazioni con la maglia del club di Viale del Fante per il classe ’72, che proprio con indosso la maglia palermitana ha dato il suo addio al calcio giocato ormai un decennio fa.

Sagramola: “Playoff? Molti infortuni, ma il Palermo è imprevedibile. Svolta societaria? Qualcosa si muoverà”

Proprio l’attaccamento dimostrato da Giovannino negli anni trascorsi all’ombra del Renzo Barbera, ha portato lui stesso a rilasciare dichiarazioni abbastanza dure nei confronti del rendimento stagionale della compagine rosanero. Il Palermo – guidato prima da Roberto Boscaglia e poi da Giacomo Filippi – sta venendo a capo di un campionato certamente al di sotto delle più rosee aspettative di inizio stagione. L’ottavo posto in classifica maturato fino a questo momento è la fotografia nitida di un’annata sportiva programmata con più di qualche intoppo, evidenziatosi sin dalle prime uscite di campionato.

Sagramola: “Serie A in tre anni? Vi dico cosa è cambiato. Gli ex criticano per una ragione molto semplice”

Diversi gli insuccessi e le debacle pesanti, che hanno portato lo stesso Tedesco a spendere parole di rilevanza assoluta sul rendimento della franchigia del capoluogo siciliano. Ecco le sue dichiarazioni.

Sentire oggi parlare di castelli fa quantomeno sorridere se non ci fosse da piangere dopo un campionato del genere. Ma per fortuna i dirigenti e i giocatori passano, quella che rimarrà in eterno è la nostra splendida maglia e chi l’ha amata ed onorata viene comunque ricordato. 

Di seguito il post in questione.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-15058513 - 1 settimana fa

    Standing ovation

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy