Catania, la carica di Tacopina: “C’è un nodo da sciogliere prima di rilevare il club. Voglio chiarire una cosa”

Il messaggio dell’imprenditore italo-americano, Joe Tacopina, relativa alla trattativa per l’acquisizione del club etneo

Settimane concitate in casa Catania.

Continua a tenere banco la vicenda legata all’acquisizione di quote del Calcio Catania che, se qualche giorno fa sembrava sempre più vicina ad un punto di svolta, oggi appare invece in alto mare. Nonostante il gruppo dell’avvocato italo-americano Joe Tacopina avesse già ribadito la necessità di ridurre il monte debiti – ostacolo principale ai fini del buon esito della trattativa, la data del closing, appariva infatti sempre più vicina. Un argomento trattato dallo stesso avvocato statunitense, in una lunga lettera diffusa tramite il sito “Catania.eu”.

“I will always be available or all of the tifosi but this is not yet the right time . We need to close this deal first . Please let everyone know that I am LOGICALLY waiting for a result on the reduction of the debts . Because coming into a club that has 60mm in debt (even if some is acceptable debt like torre) makes it impossible to grow the club to the top levels and spend the money on the players and organization as opposed to paying for someone’s past obligations.  Anyway I am confident they will reduce the debt to acceptable levels and we will begin as soon as possible . As a matter of fact me and my managers are already meeting and planning our future moves”

“We need to win tonight”.

“Sarò sempre a disposizione di tutti i tifosi ma non è ancora il momento giusto. Dobbiamo prima chiudere questo accordo. Per favore fate sapere a tutti che sto LOGICAMENTE aspettando un risultato sulla riduzione dei debiti. Perché entrare in un club che ha 60 mm di debiti (anche se alcuni sono debiti accettabili come Torre) rende impossibile far crescere il club ai massimi livelli e spendere i soldi per i giocatori e l’organizzazione invece di pagare per gli obblighi passati di qualcuno. Comunque sono fiducioso che ridurranno il debito a livelli accettabili e inizieremo il prima possibile. In effetti io e i miei manager ci stiamo già incontrando e pianificando le nostre mosse future”

“Stasera dobbiamo vincere”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy