Cessione Palermo, è corsa contro il tempo: Facile cerca aiuto negli USA, le altre cordate in ballo…

Cessione Palermo, è corsa contro il tempo: Facile cerca aiuto negli USA, le altre cordate in ballo…

Un nuovo gruppo americano sarebbe pronto a dare 5 milioni all’ad rosanero, Emanuele Facile, per tamponare l’emergenza: York Capital e Carisma continuano a trattare, ma non vogliono pagare la plusvalenza agli inglesi

Cresce l’ansia in casa rosanero, mentre si va delineando sempre di più una vera e propria corsa contro il tempo.

Il quadro della situazione che sta venendo fuori dall’incontro milanese di ieri, secondo quanto riportato questa mattina da Il Giornale di Sicilia, parrebbe essere che nessuna tra York Capital Management e Carisma sarebbe realmente disposta a mettere sul piatto un corrispettivo da 1,2 milioni di euro per la cessione delle quote societarie del club siciliano. La strada per giungere alla fatidica giornata di sabato con 5,4 milioni in cassa si fa sempre più irta, anche se l’amministratore delegato del Palermo Calcio, Emanuele Facile, starebbe cercando un asso nella manica da sfoderare il più presto possibile e lo dovrà trovare davvero a breve, in un contesto che vede al momento in corsa almeno quattro aspiranti acquirenti. Che dalle tasche di tali compratori possa arrivare un sostegno economico concreto per saldare gli stipendi dei calciatori ed i contributi entro lunedì, però, appare sempre più complesso. Il fondo americano, intanto, chiede ulteriori documenti, poiché il database fornitogli da Sport Capital Group sembrerebbe essere ancora incompleto.

(Cessione Palermo, incontro con York Capital Management a Milano: si stringono i tempi. I dettagli…)

Intanto Carisma starebbe valutando con attenzione l’operazione, ma appare chiaro come una due diligence non possa svolgersi con tempistiche così ristrette, specialmente per una società in condizioni certamente non serene come il Palermo. Al momento dunque parrebbe essere tutto fermo, con almeno due alternative da valutare per evitare la fredda mano penalizzante della Covisoc: “Si parte dalla possibilità di rimodulare gli stipendi per ridurre la parte da pagare immediatamente e si arriva alla necessità di trovare altre fonti di finanziamento per la società. In tal senso l’indiscrezione venuta fuori dal summit di ieri sarebbe quella di un’offerta da cinque milioni recapitata a Facile da un gruppo statunitense ancora ignoto. L’amministratore delegato avrebbe informato anche Foschi di questa opportunità, ma questi finanziatori dovranno fare in fretta e dovranno mettere sul tavolo anche garanzie bancarie per i successivi investimenti da compiere da qui al 30 giugno. Oggi dovrebbe venir fuori qualcosa di più concreto su questo fronte, ma sembra quasi che sia l’ultima spiaggia per scongiurare il -4 in classifica“.

(Caos Palermo: le scadenze incombono, settimana decisiva o ci sarà penalizzazione. Ecco cosa rischiano i rosa)

Dalla prossima settimana, così, tutti i pretendenti potrebbero partire realmente alla pari nelle trattative per l’acquisizione del Palermo Calcio: giunti a quel punto, difatti, verrebbe meno l’urgenza di versare gli ormai celeberrimi 5,4 milioni di euro nelle casse della società rosanero, con la prima scadenza fissata al 16 aprile (o al massimo entro fine mese, termine richiesto ai 115 creditori per non perseguire azioni legali nell’attesa che vengano saldate le rispettive spettanze). York Capital, intanto, avrebbe già messo in conto di dover prolungare i tempi rispetto a quanto proposto dalla controparte, considerando anche l’ostacolo degli 1,2 milioni richiesti per la cessione delle quote del club di Viale del Fante. La plusvalenza voluta dal gruppo britannico sui 10 euro di valutazione iniziale della società siciliana è stata resa pubblica da Raffaello Follieri quando ha annunciato alla stampa la sua offerta, ma nessuno degli altri pretendenti sembrerebbe essere disposto a concedere tale somma a Sport Capital Group, che già era stata intimata dai legali dell’ex patron Maurizio Zamparini a non chiedere nulla di più di un semplice rimborso spese.

(Palermo, giornata decisiva per la cessione: è testa a testa tra York Capital e Carisma. La situazione)

Tale cifra, a fronte dei debiti della società, non sarebbe in sé e per sé uno scoglio così complicato da superare, ma semplicemente sul piano economico al momento non sussistono delle concrete motivazioni per una variazione di valore del Palermo Calcio. Secondo quanto riportato dal noto quotidiano regionale, inoltre:

York Capital pazienta, Carisma studia il da farsi e gli altri papabili acquirenti restano alla finestra. In qualche modo viene tenuta in vita anche la pista Follieri, sebbene i precedenti non aiutino l’italo-americano nel suo tentativo di scalata in viale del Fante. È circolato anche il nome di Preziosi, attuale proprietario del Genoa, che non potrebbe certo apparire in prima persona (la Figc non ammette un proprietario per due club della stessa categoria e il Palermo lotta per la promozione in A, dove militano i rossoblù). Sta comunque valutando la situazione dall’esterno: ha preso contatti anche con un gruppo di industriali palermitani per sondare il terreno in ottica futura, senza però entrare nelle trattative attuali, che vedono il fondo americano e il gruppo italiano in piena corsa per rilevare la società. Sempre che oggi Facile non porti sul tavolo un’offerta concreta da parte di altri soggetti, perché né York, né Carisma, hanno intenzione di mettere cinque milioni a scatola chiusa“.

(Palermo-Brescia, 3mila biglietti a Sicindustria. Albanese: “Iniziativa per sostenere i rosa, la nostra speranza…”)

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13945235 - 7 mesi fa

    Intanto i giorni passano e fate solo chiacchiere, se dovessimo fare la fine del parma spero solo vi caccino in galera prima che facciate un volo di sola andata per Londra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. sbt5 - 7 mesi fa

    Li mette ZAMPARINI mascherato dall ennesimo fondo americano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Lucka90 - 7 mesi fa

    Ma con quale faccia questi chiedono 1,2 mln di euro? sembra più una mazzetta…
    Che sciacalli corrotti …per essere signore, quello che non di certo non sono loro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy