Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

I rinforzi

Palermo, altro che rinforzi: Damiani e Felici non incidono. E la partenza di Almici…

Palermo, altro che rinforzi: Damiani e Felici non incidono. E la partenza di Almici…

Nel sessione invernale di calciomercato, il Palermo ha ingaggiato Samuele Damiani e Mattia Felici. Entrambi i giovani non sono ancora riusciti ad incidere secondo le aspettative

Mediagol ⚽️️

"Il mercato può cambiare una stagione. Dopo quasi tre mesi dalla riapertura delle liste, si può dire che il Palermo non ha ancora ottenuto quel che sperava", apre così l'edizione odierna del noto quotidiano "Giornale di Sicilia" focalizzando la propria attenzione sui due colpi di gennaio del club di Dario Mirri.

L'apporto dato da Mattia Felici e Samuele Damiani si è rivelato, fin qui, inconsistente. Ma non solo, il buco lasciato sulla corsia di destra dalla cessione di Alberto Almici alla Spal ha complicato le cose dal punto di vista difensivo. "Chi sta davanti, invece, può dire il contrario: il Catanzaro vola con i gol di Biasci e Iemmello, il Bari ha trovato in Maiello il regista che cercava, l’Avellino ha sostituito D’Angelo con Kragl e la Virtus Francavilla ha trovato in Patierno un bomber inatteso, con sei reti in dodici partite", prosegue il Gds.

La partenza sprint di Felici e Damiani (entrambi in gol contro il Monterosi) aveva lasciato pregustare un ben diverso prosieguo dell'esperienza dei due giovani in terra sicula. Contro il Potenza, l'ex esterno offensivo del Lecce non ha sfruttato a dovere la quarta opportunità da titolare concessagli da Baldini che l'ha tirato fuori alla fine dei primi quarantacinque minuti di gioco. Mentre Damiani non è subentrato neanche a gara in corso.

Il mercato di gennaio ha, inoltre, costretto il Palermo a cercare in casa un titolare terzino destro. Da Accardi e Buttaro e Doda, l'ex coach della Carrarese ha dato a tutti e tre l'opportunità di incanalarsi nelle mansioni svolte da un terzino destro. "Fino a qualche mese fa, lì, il Palermo poteva comunque contare su Almici. Che pur tra alti e bassi, non aveva mai visto la propria titolarità messa in discussione", chiosa l'edizione odierna del "Giornale di Sicilia".

tutte le notizie di