Palermo-ACR Messina, il ds Leonardo: “Rosanero i peggiori avversari, ma l’arrivo di Zeman ci ha reso più forti. Mi auguro che…”

Le dichiarazioni rilasciate dal nuovo direttore sportivo dell’ACR Messina, Pasquale Leonardo, in vista della sfida contro il Palermo

Cresce l’attesa per Palermo-ACR Messina.

Dopo le prime dieci vittorie consecutive i rosanero hanno subito una deludente frenata: domenica scorsa, infatti, contro la Palmese – ultima in classifica -, la formazione di mister Rosario Pergolizzi, non è riuscita ad andare oltre lo 0-0. Ciò nonostante, la compagine siciliana resta comunque saldamente al comando della classifica con 31 punti, ma adesso  è il momento di metabolizzare, archiviare e ripartire.

Palermo-ACR Messina, i ricordi Zaccardo: “Peccato che questo derby si giochi in D. Rosanero in A in tre anni? Si può”

Domenica il “Renzo Barbera” farà da palcoscenico all’affascinante derby tra le due isolane, con i peloritani consapevoli di aver appena imboccato il sentiero giusto per poter puntare in alto e i rosanero chiamati ad invertire il trend. Sulla carta la gara non dovrebbe presentare grandi insidie al Palermo, ma l’ACR Messina, ha confermato il nuovo direttore sportivo Pasquale Leonardo al termine dell’amichevole disputata ieri al “Despar” contro la Juniores,proverà a sorprendere gli avversari: “Mi auguro che la squadra approcci alla partita e resti concentrata per tutti i 90 minuti. Con l’ arrivo di Zeman è cambiata la mentalità e anche l’intensità con la quale la squadra si allena. È il momento di osare, pur se un Palermo ferito sarà il peggiore degli avversari sulla nostra strada”.

Palermo-ACR Messina, Nocerino: “Vorrei conoscere Mirri, sarebbe bello chiudere la carriera in rosanero. Per chi tiferò? Rispondo così”

“Tornare a Messina è sempre un’emozione – ha proseguito il ds originario di Reggio Calabria – e lo faccio anche stavolta con grande entusiasmo. È successo lo stesso anche in passato, spero di ottenere nuovi importanti risultati con questa società. Nel 2010 raggiungemmo buoni risultati, lo stesso nel 2017 con Lucarelli in panchina e una salvezza conquistata sul campo nonostante le vicissitudini problemi societarie. Ricomincio in una situazione diversa e una proprietà che conosco bene e che vuole fare le cose per bene”, si legge nelle parole riportate da ‘La Gazzetta del Sud’.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy