Lazio, Lucas Leiva avverte il Brasile: “Coronavirus pericoloso, controllatelo meglio dell’Italia”

Lazio, Lucas Leiva avverte il Brasile: “Coronavirus pericoloso, controllatelo meglio dell’Italia”

Il giocatore della Lazio Lucas Leiva ha avvertito il suo paese d’origine in merito alla pericolosità della diffusione del Coronavirus

Il COVID-19 mette in ginocchio il globo.

L’emergenza sanitaria mondiale legata alla diffusione del Coronavirus prosegue. Una situazione complessa e drammatica che ha inevitabilmente sconvolto la quotidianità dei cittadini italiani e non. L’epidemia, partita dalla Cina, si è infatti estesa anche in Europa e oltreoceano. Il mondo conta un gran numero di contagiati e morti.

Coronavirus, Super League Svizzera: il Sion licenzia nove giocatori, c’è anche l’ex Palermo Kasami

Il centrocampista della Lazio Lucas Leiva, in un’intervista rilasciata a Globo Esporte, ha parlato della pandemia, invitato il suo paese d’origine, il Brasile, a non sottovalutare la diffusione del virus: “In Italia la situazione è molto critica, il conto dei morti aumenta quotidianamente così come le persone positive. Io sono a casa, isolato, senza possibilità di allenarmi con il resto della squadra. E’ una situazione molto difficile che spero possa terminare presto. Vedo che anche in Brasile i casi stanno aumentando di giorno in giorno. Invito tutti quindi ad essere coscienti perché è un virus pericoloso che colpisce molte persone. Dovete controllarlo meglio di come è stato fatto in Italia all’inizio. Penso che se avessero chiuso tutto prima come hanno fatto la scorsa settimana la situazione oggi sarebbe un pochino migliore. È stato tutto molto veloce. Fino a tre settimana fa si giocava regolarmente. Nessuno si sarebbe immaginato un pericolo di queste proporzioni. Il virus si è diffuso in modo talmente rapido che non ci ha dato il tempo di rendercene conto“.

Emergenza Coronavirus, Trapattoni: “Rivivo gli anni terribili della guerra. Possiamo uscirne se…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy