Liverpool, il tackle di Gerrard: “Torres mi ha spezzato il cuore. Suarez o l’ex Milan? Rispondo così”

Le dichiarazioni dell’ex capitano dei Reds

Gerrard

Mi ha spezzato il cuore“.

Premier League, Chelsea-Newcastle 2-0: Tuchel centra un’altra vittoria con le reti di Giroud e Werner. La classifica aggiornata

Parole forti e decise quelle pronunciate dall’ex capitano e bandiera del Liverpool, Steven Gerrard. L’attuale tecnico dei Rangers è tornato a parlare del suo passato indelebile ed in particolare di un calciatore al quale è stato molto legato nei diciassette anni tra le fila dei Reds. L’attaccante in questione è Fernando Torres, bomber prolifico che ha fatto, in particolare, la storia dell’Atletico Madrid. L’ex capitano della squadra attualmente allenata da Jürgen Klopp è stato ospite del podcast di Robbie Fowler per parlare degli anni in cui El Niño ha vestito la sua stessa maglia.

Gerrard

Rangers Glasgow, Steven Gerrard fa 150 e vola verso il titolo: l’ex Liverpool pronto a spezzare il dominio in Scozia del Celtic

In particolare Gerrard ha dichiarato che il trasferimento dell’ex attaccante del Milan ai rivali del Chelsea nella stagione 2011-2012 creò non poche turbolenze all’interno dello spogliatoio di Anfield: “Non ho giocato con Torres per tutto il tempo che volevo perché è andato al Chelsea e mi ha spezzato il cuore. Ero davvero devastato. Stavamo lavorando molto duramente per cercare di avvicinarci il più possibile e ridurre il gap con le grandi della Premier League“, ha spiegato l’ex centrocampista inglese.

La bandiera del Liverpool ha poi proseguito: “Luis Suárez era un animale. Ma se mi chiedi chi sia il miglior giocatore con il quale ho mai giocato ti dico Torres in base a come sentivo il mio rapporto con lui, stavo raggiungendo infatti molti obiettivi in ​​quel momento. Ero al meglio e mi sentivo benissimo”.

La partenza dell’ex bomber dei Colchoneros a metà stagione è stata un duro colpo da cui il Liverpool è stato lento a riprendersi. L’attaccante spagnolo, che ha segnato 82 gol in 141 partite, ha lasciato un buco nel reparto offensivo mentre la sua squadra si avvicinava alla parte nobile della classifica. “Ci siamo sentiti come se stessimo facendo grandi passi, avvicinandoci e progredendo davvero bene. Poi, in un momento chiave per la squadra e per il gruppo, un grande giocatore se ne va e la società ha bisogno di tempo per riprendersi “, ha concluso Gerrard.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy