Cessione Palermo: richiesta domiciliari Zamparini, Follieri torna in pole? La strada di Ponte…

Cessione Palermo: richiesta domiciliari Zamparini, Follieri torna in pole? La strada di Ponte…

Gli arresti domiciliari (non esecutivi) disposti dal Tribunale del Riesame nei confronti del patron rosanero, Maurizio Zamparini, potrebbero riaprire la partita per la cessione del Palermo in favore di Raffaello Follieri

Vendere, ma a chi? Chi investirebbe in una società che potrebbe vedere aggredito il suo patrimonio? Ecco perché la strada di Ponte diventa oggi una salita verso una vetta quasi impossibile da valicare.

Discorso diverso è quello di chi da tempo ha deciso di prendere il club senza Zamparini. E l’unico che oggi ha fatto una vera e sostanziosa offerta è Raffaello Follieri, che diventa il candidato numero uno

(Zamparini: “Confido nella Cassazione, non c’è alcun reato di cui debba rispondere. La cessione del Palermo…”)

Questo quanto si legge all’interno dell’edizione odierna de La Repubblica – Palermo, che svela come la disposizione da parte del Tribunale del Riesame (dopo aver accolto il ricorso della Procura) degli arresti domiciliari nei confronti di Maurizio Zamparini (Non ancora esecutivi, in attesa della Cassazione), possa riaprire la partita per la cessione del club rosanero in favore di Raffaello Follieri. Il finanziere foggiano starebbe, con l’ausilio dei propri legali, lavorando nella massima riservatezza per portare avanti la trattativa con il numero uno del Palermo Calcio, con l’intento di acquisire totalmente le quote societarie del club di Viale del Fante.

(Zamparini: “Ho compassione per le Procure. Mi dedicherò all’agricoltura, a Palermo non metterò più piede”)

Tutta la vicenda potrebbe prolungarsi oltre il Consiglio d’Amministrazione del 26 ottobre, durante la quale dovrebbe essere approvato il bilancio finito nel mirino della Procura in merito all’affare Mepal-Alyssa e la preannunciata nomina di Antonio Ponte come nuovo presidente della società siciliana, che potrebbe a questo punto, sempre secondo quanto rivelato dal quotidiano citato in apertura, essere messa in discussione dalle questioni giudiziarie di cui sopra.

(Zamparini: il perché del “sì” ai domiciliari e le accuse della Procura, l’affare Mepal-Alyssa…)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 11 mesi fa

    Sì ora ovviamente ponte non arriva per colpa della magistratura. Io piuttosto mi chiederei se è l’ennesima supercazzola sulla vendita visto che le indagini erano già in corso mica sono cadute dal cielo e ancora non si conoscono i nomi della presunta cordata straniera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy