Palermo, raccolta fondi: pronto un “comitato di garanzia” ma ecco i primi dubbi dei tifosi vip

Palermo, raccolta fondi: pronto un “comitato di garanzia” ma ecco i primi dubbi dei tifosi vip

In casa rosanero i tempi stringono in vista della prossima scadenza della Covisoc: pronto un “comitato di garanzia” volto a raccogliere più denaro possibile, ma si tratta comunque di una soluzione tampone

Fra pochi giorni si entrerà già nel mese di marzo ed i tempi, in vista della prossima scadenza della Covisoc, stringono sempre di più.

(Palermo, Pif smentisce coinvolgimento nel crowdfunding di Mirri: “Non ne sono a conoscenza”)

Per questa semplice e chiara ragione, secondo quanto riportato stamane da Il Giornale di Sicilia, il gruppo Damir starebbe continuando a lavorare con insistenza sull’oramai noto progetto di raccolta fondi per evitare la prossima possibile penalizzazione in classifica per il club rosanero.

(Foschi: “Zamparini costretto a vendere, gli inglesi non hanno mai messo un soldo. Cessione? Ci sono due gruppi…”)

L’immediato futuro del Palermo Calcio, dunque, parrebbe strettamente legato a tale progetto di crowdfunding che inizia però a vedere spuntare i primi dubbi sul fronte dei cosiddetti tifosi vip. Pif ad esempio, tirato in ballo nei giorni scorsi, ha smentito ogni tipo di coinvolgimento attraverso un post pubblicato sui social network, mentre del duo comico Ficarra e Picone sarebbe stato soltanto il primo a mostrarsi disponibile, ma con riserva: “Solo se il Palermo renderà disponibile tutta la documentazione necessaria ad agevolare l’ingresso della nuova proprietà“.

(Palermo, Crowdfunding quasi al via. Salvo Ficarra: “Ci sono solo se…”)

La società di Viale del Fante intanto, come riporta all’interno della propria edizione odierna il noto quotidiano regionale, avrebbe provveduto ad inviare a Dario Mirri i documenti di cui il club era già in possesso, in quanto le parti avrebbero fissato la scadenza nella data di ieri: “L’acquirente ancora non c’è, ma si va avanti col piano di raccolta fondi che verrà avviata con ogni probabilità a partire dalla prossima settimana. In pochi giorni si cercherà di immettere nelle casse societarie un ‘aiuto’ tale da raggiungere i 2,3 milioni necessari per saldare gli stipendi di gennaio e febbraio, impresa a dir poco complessa visti i tempi ristretti“.

(Palermo: “crowdfunding” come piano parallelo, mancano ancora 2,3 milioni. Il progetto di Mirri…)

La campagna che con tutta probabilità dovrebbe essere presentata nei prossimi giorni: “…consentirà a chiunque di poter contribuire alla salvezza del Palermo in vista del rischio di penalizzazione in cui la società incorrerà se non saranno versati gli stipendi entro la prossima scadenza di metà marzo“. Stando a quanto annunciato in merito dal gruppo Damir, inoltre, nel corso delle prossime giornate dovrebbe essere costituito un vero e proprio “comitato di garanzia“, composto da alcuni tifosi celebri (con la presenza di Padre Cosimo Scordato e la candidatura del comico Salvo Ficarra in stand-by) che nascerà “per raccogliere più denaro possibile da versare esclusivamente per il pagamento degli stipendi e per evitare la penalizzazione“.

(Cessione Palermo, York Capital cambia obiettivo: per il club rosanero spunta Ferrero. La situazione)

Se mai tale progetto dovesse andare in porto ed ottenere i risultati sperati, però, si tratterebbe comunque di una sorta di soluzione temporanea, anche perché il club siciliano non dovrebbe solo fare i conti con la gestione degli stipendi da pagare: “Restano da saldare i debiti con i procuratori (quasi 15 milioni) e con i 115 fornitori a cui è stato chiesto da Sport Capital Group di attendere fino a fine febbraio. Non potranno certo essere tenuti sulle spine a lungo“.

(Cessione Palermo: “Documentazione consegnata alla Damir”, ma è una bufala. Mirri ancora in attesa)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy