Palermo, Palazzi in versione jolly: interno o centrale difensivo, l’ex Inter è l’amuleto di Boscaglia

Il centrocampista classe ’96 si conferma pedina duttile e funzionale al credo calcistico di Boscaglia

palermo

Andrea Palazzi è il jolly di mister Roberto Boscaglia.

Palermo-Paganese, rosanero più vivi che mai: Boscaglia a caccia dei primi tre punti al “Barbera”

Il centrocampista del Palermo, proveniente dal Monza,  in questa prima parte di stagione ha stupito per la duttilità e lo straordinario spirito di sacrificio mostrato nelle occasioni in cui è stato chiamato in causa. L’emergenza legata alla diffusione del Covid, come risaputo, ha costretto i rosanero a disputare il derby contro il Catania con soli 11 calciatori di movimento e una sola presenza in panchina, quella del giovane portiere Matranga.

Intanto nelle ultime uscite della compagine rosanero, complici le numerose defezioni forzate in seno alla retroguardia, proprio Palazzi si è cimentato nel ruolo, per lui insolito, di difensore centrale. Sono tanti quei centrocampisti che nel corso della carriera hanno modificato il proprio raggio d’azione, scalando nel cuore della linea difensiva sia per necessità contingenti sia nell’intento di allungare la propria parabola professionale. Esempi illustri e copiosi di interni reinventatisi centrali difensivi all’occorrenza da Daniele De Rossi a Javier Mascherano, fino a Giulio Migliaccio e Massimo Donati per restare in orbita Palermo.  Grandi interpreti in zona nevralgica che hanno indossato i panni di polo del reparto difensivo, talvolta in via sperimentale per ovviare all’assenza degli specialisti del ruolo, in altri casi consacrandosi nella nuova posizione, costruendosi una seconda vita calcistica.

Il classe ’96 ha evidenziato la propria versatilità, denotando intelligenza tattica nel cimentarsi con profitto in mansioni per lui inusuali, una virtù che ha costituito un preziosissimo valore aggiunto per il  tecnico Boscaglia. L’allenatore del Palermo, proprio nel corso della conferenza stampa di presentazione della sfida contro la Paganese, ha tessuto le lodi del proprio calciatore, sottolineando come questa nuova propensione in futuro, magari, potrà conferirgli una maggiore longevità calcistica.

PALERMO-PAGANESE, PROBABILI FORMAZIONI: ECCO LE SCELTE DI BOSCAGLIA

La presenza dell’ex Monza in seno al reparto difensivo rosanero ha in qualche modo funzionato da salvifico amuleto per la formazione di Boscaglia.

Infatti, nelle tre gare giocate da Palazzi nel cuore della retroguardia, il Palermo ha ottenuto ben 5 punti, frutto di 2 pareggi (Catanzaro e Catania) e una vittoria (Juve Stabia).  Nel prossimo match della compagine rosanero contro la Paganese potrebbe ripresentarsi l’opportunità di ammirare il calciatore scuola Inter ancora titolare nel pacchetto arretrato viste le perduranti indisponibilità di Lancini e Somma.

VIDEO Coronavirus Palermo, il calcio dilettantistico protesta contro il Dpcm: tanti gli ex rosanero, le interviste di Mediagol.it

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy