Cessione Palermo, Zamparini-Follieri: firmato un accordo preliminare, i dettagli

Cessione Palermo, Zamparini-Follieri: firmato un accordo preliminare, i dettagli

Raffaello Follieri sempre più vicino al Palermo Calcio: Maurizio Zamparini e l’imprenditore foggiano avrebbero infatti firmato un accordo preliminare per la cessione del club rosanero, i dettagli

Zamparini si impegna ad accettare l’offerta d’acquisto presentata da Follieri, che avrebbe spazzato via la concorrenza e, al contempo, sospende tutte le eventuali trattative che poteva avere in corso per la cessione della società, Antonio Ponte compreso. Un documento che impegna le parti e che è propedeutico alla chiusura vera e propria della trattativa per un prezzo che si aggira sui 50 milioni

Questo un breve estratto dell’incredibile indiscrezione lanciata stamane da La Repubblica in merito alla trattativa riguardante la cessione del Palermo Calcio a Raffaello Follieri: nonostante essa non si sia ancora realizzata o concretizzata in maniera ufficiale, sarebbe stato però firmato un importante accordo preliminare che segnerebbe l’intesa raggiunta tra Maurizio Zamparini ed il finanziare foggiano per la cessione delle quote di maggioranza del club rosanero. La firma di tale accordo sarebbe avvenuta la scorsa settimana in quel di Vergiate, il tutto alla presenza e sotto l’occhio vigile dei rispettivi legali delle due parti interessate.

Raffaello Follieri avrebbe dunque spazzato via la concorrenza di Antonio Ponte (con alle spalle il fondo d’investimenti Raifin) e della cordata americana (che non si è mai palesata) nel corso dell’ultima settimana, convincendo il patron del club di Viale del Fante delle proprie credenziali al punto che, lo stesso Zamparini, avrebbe dato mandato all’avvocato Anania (che lavora per conto dello studio Whiters) di preparare il contratto definitivo a seguito della firma di quello preliminare, cercando così di chiudere definitivamente l’accordo ufficiale dopo diversi giorni passati e leggere ed esaminare i documenti relativi all’affare.

La fine dell’era Zamparini potrebbe così avvicinarsi sempre di più, anche perché i tempi starebbero adesso diventando decisamente corti: il termine ultimo per firmare tale accordo definitivo, infatti, sarebbe stato fissato al 24 ottobre, precisamente due giorni prima del consiglio d’amministrazione del club rosanero (del 26 ottobre), che attualmente vede ancora Antonio Ponte come unico candidato alla presidenza del Palermo Calcio, nonostante la trattativa con l’uomo d’affari italo-svizzero per la cessione delle quote societarie sembrerebbe ormai arenata quasi totalmente, alla luce dei recenti fatti.

Infine, sempre secondo quanto riferito dal noto quotidiano nazionale sopracitato, sarebbe ormai tutto definito per l’ultimo e decisivo passaggio di consegne e, per evitare un “Baccaglini bis“, all’interno dell’accordo preliminare sarebbero state fissate delle penali molto alte (dal punto di vista economico) sia per Maurizio Zamparini che per Raffaello Follieri, nel caso in cui l’affare dovesse clamorosamente saltare per qualunque ragione.

(Cessione Palermo, parte il count-down: ecco la cifra richiesta da Zamparini, Ponte e Follieri…)

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alberto-Londra - 12 mesi fa

    50 milioni è una follia.
    Il parco giocatori varrà una ventina. Il Palermo deve rientrare per 18-22 milioni da Alyssa.
    Non capisco chi può essere così folle da pagare 50 qualcosa che non dovrebbe costare più di 20. Ma se pago 50 vuole dire che Zampa appiana il debito di Alyssa con fondi dei compratori e se ne esce con 10 milioni netti in tasca. Ripeto una follia. Basterebbe aspettare la data del pagamento di Alyssa nel 2019 e poi fare un’offera Sul reale valore. Certo il Palermo potrebbe essere primo ed il valore tener conto della A, potrebbe non esserlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nick - 1 anno fa

    Io sino a quando non vedo non credo, visto che di vendite ne abbiamo viste una decina e follieri per bocca dello stesso mz non era affidabile.
    Ma poi 50 mln per un club di b senza infrastrutture mi pare una cifra troppo alta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy